BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalla Regione 56 milioni per i più deboli, 18 per l’emergenza coronavirus: fondi anche a Bergamo

L'assessore Bolognini: "Aiuti concreti che permetteranno di fornire servizi come la presa in carico dei pazienti dimessi dagli ospedali e la consegna a domicilio di farmaci e generi alimentari"

La Giunta regionale ha deliberato lo stanziamento di 56 milioni di euro per le attività previste nell’ambito del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali.

“Si tratta di una cifra importante che conferma gli impegni già presi in passato e affronta con decisione le numerose problematiche legate al coronavirus – sottolinea Stefano Bolognini, assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e disabilità -. Abbiamo previsto un aumento consistente degli stanziamenti, che sono passati da 38 a 56 milioni, dedicando 17,8 milioni di euro all’aiuto per chi si trova in difficoltà a causa dell’emergenza legata al Covid-19. Aiuti concreti che permetteranno di fornire servizi fondamentali come la presa in carico dei pazienti dimessi dagli ospedali e la consegna a domicilio di farmaci e generi alimentari”.

AMBITI TERRITORIALI E ATS

“Del totale stanziato – prosegue l’assessore – 15,7 milioni sono stati destinati direttamente agli ambiti territoriali dei Comuni per interventi e servizi sociali a favore delle famiglie vittime del contagio. Ulteriori 2,1 milioni sono stati assegnati alle ATS dei territori maggiormente colpiti dall’emergenza, come Bergamo, Brescia, Lodi, Cremona e la Vallecamonica. Questi fondi serviranno alla realizzazione, insieme ai Comuni di riferimento, di interventi integrati tra servizi sociali e sanitari”.

“Il totale dei 17,8 milioni di euro dedicati all’emergenza Covid – aggiunge Bolognini – potranno essere utilizzati per le finalità che verranno ritenute maggiormente necessarie sul territorio. Tra queste l’attivazione o il potenziamento di servizi di ascolto e informazione ai cittadini per le esigenze sociali determinate dall’emergenza; l’attività di servizio sociale dedicato alla presa in carico e gestione dei bisogni sociali delle persone dimesse dagli ospedali; la promozione di servizi di prossimità utili ai cittadini, ad esempio la consegna di farmaci, pasti a domicilio e generi di prima necessità; il trasporto sociale per categorie fragili; la riorganizzazione delle attività a carattere diurno negli stessi luoghi ove si svolgono normalmente i servizi; gli interventi per minorenni con genitori sottoposti a ricovero o isolamento”.

FAMIGLIA, MINORI, DISABILITÀ, ANZIANI, DISAGIO E POVERTÀ

“Per quanto concerne i restanti 38 milioni di euro – continua Bolognini – la programmazione regionale stima di destinarne il 52% all’area di intervento ‘Famiglia e minori’, il 25% all’area ‘Disabilità’, l’11% all’area ‘Anziani’ e il 12% all’area ‘Disagio e Povertà’. Questi fondi andranno a finanziare, all’interno della programmazione sociale degli Ambiti territoriali lombardi, i servizi per la presa in carico delle situazioni di fragilità, la promozione di interventi e attività di tutela dei minori con le loro famiglie, l’attività di prevenzione sui territori, il sostegno dei servizi diurni e residenziali, l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità e l’assistenza domiciliare”.

RIPARTIZIONE FONDI EMERGENZA COVID-19

Dei 17,8 milioni stanziati per affrontare l’emergenza coronavirus, 15,7 milioni sono ripartiti in base alla popolazione residente e assegnati a tutti gli Ambiti Territoriali. Queste le cifre:

• ATS della città metropolitana di Milano: 5.443.984,05 euro.
• ATS dell’Insubria: 2.303.648,34 euro.
• ATS della Brianza: 1.894.657,36 euro.
• ATS di Brescia: 1.823.706,75 euro.
• ATS di Bergamo: 1.743.366,62 euro.
• ATS della Val Padana: 1.206.332,63 euro.
• ATS di Pavia: 853.841,25 euro.
• ATS della Montagna: 466.535,41 euro.

Dei 2,1 milioni di euro stanziati specificamente per le aree più colpite, questo il riparto alle ATS per attività con gli Ambiti:

• Bergamo e provincia (ATS di Bergamo): 809.867,26 euro.
• Brescia e provincia (ATS di Brescia): 692.754,28 euro.
• Cremona e provincia (ATS della Val Padana): 361.511,96 euro.
• Lodi e provincia (ATS della città metropolitana di Milano): 198.261,14 euro.
• Valle Camonica (ATS della Montagna): 83.433,42 euro.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.