Quantcast
Coronavirus, potenziato il supporto del "Telefono giallo" per i figli dei detenuti - BergamoNews
Il sostegno

Coronavirus, potenziato il supporto del “Telefono giallo” per i figli dei detenuti

Il servizio offerto da Bambinisenzasbarre, associazione impegnata nella tutela dei bambini figli di persone detenute.

“Come dico a mio figlio che non può vedere il genitore detenuto per un tempo indefinito? Come aiuto mio figlio a trascorrere questo lungo periodo di separazione dal genitore detenuto? È da tanto che non vedo il mio papà. Come affronteranno questo momento gli altri bambini che hanno un genitore in carcere?”.

Bambinisenzasbarre, associazione impegnata nella tutela dei bambini figli di persone detenute che lavora da 14 anni per dare sostegno psicopedagogico, si mette a disposizione per rispondere a queste e a tante altre domande che possono insorgere a causa dell’emergenza determinata dal Coronavirus, che incide sulle relazioni di tutti noi e sui contatti tra le persone care, ancor di più nel complesso ambiente del carcere.

Per questo, nel pieno rispetto di quanto previsto dal decreto Dpcm “Io resto a casa”, Bambinisenzasbarre ha potenziato il servizio di supporto telefonico Telefono Giallo per le famiglie di persone detenute e lo attiva per il particolare target dei bambini figli di genitori detenuti, avvalendosi di operatori specializzati.

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18 per ascolto, supporto psicologico e risposte specialistiche a chi si trova ad affrontare questa difficile fase.

Telefono Giallo vuole essere una possibilità per i familiari di non sentirsi soli e di ragionare insieme a specialisti sulle risposte da dare alle difficili domande che ogni giorno i figli pongono e per i bambini di costruire una comunità virtuale con scambio di bisogni e consigli, che potrà diventare appena possibile un vero e proprio gruppo attivo e in presenza.

I canali di comunicazione sono i seguenti:
Telefono e Whatsapp: 392.9581328 (attivo lunedì-venerdì, 10-18)
E-mail: telefonogiallo@bambinisenzasbarre.org

È sempre possibile comunicare tramite e-mail e messaggi, che diventano canali esclusivi nelle giornate di sabato e domenica e nella fascia oraria serale.

Il servizio Telefono Giallo si avvale dell’esperienza e delle competenze del gruppo di psicologi di Bambinisenzasbarre, acquisite in 15 anni di buone pratiche presso gli Istituti penitenziari della Lombardia e in rete sul territorio nazionale.

Il servizio è anche una app, pensata per i bambini e i ragazzi che hanno il papà o la mamma in carcere e hanno tante domande senza risposta e spesso non sanno a chi rivolgersi. È la possibilità di sostenerli a distanza. La app Telefono Giallo si scarica facilmente sul proprio smartphone.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
anziana polizia
Bergamo
Il nipote in ospedale per Covid, 98enne a casa senza soldi: l’aiuto della Polizia
guardie carcerarie
L'analisi
La rivolta delle carceri rivela un’Italia fragile, anche nel sistema penitenziario
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI