Quantcast
Medici e infermieri di Humanitas Gavazzeni: "Noi al servizio dei pazienti Covid, bistrattati in televisione" - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Salute

La lettera

Medici e infermieri di Humanitas Gavazzeni: “Noi al servizio dei pazienti Covid, bistrattati in televisione”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera scritta e firmata dal personale dell’ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo a seguito del servizio di Report “La zona grigia” andato in onda il 7 aprile 2020

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta firmata da medici, infermieri, OSS, tecnici e staff dell’Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo che rispondono ad una trasmissione della tv pubblica.  

Amarezza e dolore. Non troviamo altre parole per descrivere l’effetto che ci ha fatto vedere una trasmissione televisiva del Servizio Pubblico, Report, mettere in discussione il lavoro di oltre 1000 persone.

Scriviamo a nome degli infermieri, dei medici, degli operatori socio sanitari e dello staff di Humanitas Gavazzeni di Bergamo. Noi sappiamo bene come è cambiata la nostra vita, lavorativa e personale, dalla comparsa dei primi casi di Coronavirus nella bergamasca, da quando è stato chiaro che il nostro ospedale ne avrebbe accolti tanti per curarli e non solo per stabilizzarli al fine di trasferirli altrove, nei centri con malattie infettive.

Abbiamo assistito centinaia e centinaia di pazienti Covid dal 21 febbraio scorso, in un ospedale completamente trasformato in tutte le sue parti, ormai irriconoscibile. Molti di noi vivono lontani dalle proprie famiglie per non contagiarle e sono sottoposti a turni molto impegnativi; solo noi sappiamo tutti i sacrifici che stiamo facendo, da quel giorno che ha cambiato tutto. Il fatto che le attività cosiddette remunerative, quelle che permettono al nostro ospedale di darci uno stipendio e di comprare tecnologie e medicinali, siano ferme da tempo possono testimoniarlo le migliaia di persone in attesa di un intervento o di una visita. Oppure i numeri che, quotidianamente, l’ospedale ha inviato alle autorità che coordinano la crisi: a differenza di quanto dichiarato da Report, l’8 marzo i pazienti Covid ricoverati in Gavazzeni erano già 175 su 213 degenti totali. Il nostro lavoro e le nostre vite stravolte.

Le speculazioni fatte dalla trasmissione televisiva sono un oltraggio ai professionisti, a chi li gestisce e sostiene, ai pazienti, ai loro famigliari e a chi, purtroppo, è morto a causa del Covid. Non ultimi, due dei nostri colleghi medici, che si sono spenti tra i nostri malati. Siamo amareggiati ma andiamo avanti a fare quello che facciamo dall’inizio di questa epidemia: essere al servizio di Bergamo e del territorio con tutta l’umanità e la professionalità di cui siamo capaci.

A firma di medici, infermieri, OSS, tecnici e staff dell’Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Humanitas Voice
L'iniziativa
Humanitas Voice: in podcast storie dal fronte della cura insieme a personaggi famosi
CBM Italia Onlus
L'iniziativa
CBM Italia Onlus impegnata al fianco di Humanitas e nei Paesi in via di Sviluppo
Chili
Coronavirus
Chili e i suoi distributori sostengono l’ospedale Humanitas Gavazzeni
Humanitas
Dentro l'emergenza
Enel Cuore e Fondazione Humanitas si uniscono per far fronte al Coronavirus
humanitas emergency covid milano
L'inaugurazione
Lotta ai virus, in Humanitas un Emergency Hospital: ora a Milano, presto a Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI