Volo umanitario russo da Mosca a Bergamo per l'ospedale da campo degli alpini - BergamoNews
Orio al serio

Volo umanitario russo da Mosca a Bergamo per l’ospedale da campo degli alpini

Il volo si inquadra negli accordi di aiuti al contrasto alla diffusione del coronavirus, stipulati dal presidente russo Vladimir Putin e dal presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, e attuato dai ministeri della Difesa dei due Paesi

È atterrato nel pomeriggio di giovedì 9 aprile, alle 17.15, all’aeroporto di Bergamo un volo umanitario russo effettuato con aereo militare Ilyushin IL-76, decollato da Mosca, che ha trasportato materiale sanitario destinato in parte all’Ospedale da campo ANA e al contingente di medici russi che vi opera.

Il volo si inquadra negli accordi di aiuti al contrasto alla diffusione del coronavirus, stipulati dal presidente russo Vladimir Putin e dal presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, e attuato dai ministeri della Difesa dei due Paesi.

L’aereo IL-76 sul piazzale dell’aeroporto di Bergamo

Le operazioni di assistenza aeroportuali sono state garantite dal personale di SACBO e BIS (Bgy International Services).

leggi anche
  • Nella notte
    Coronavirus, arrivati a Bergamo 35 medici russi per l’ospedale da campo
    L'arrivo dei medici russi a Bergamo
  • Oggi alle 19
    Fontana: in arrivo per l’ospedale da campo di Bergamo 150 sanitari russi
    I lavori all'ospedale da campo in fiera
  • L'assessore gallera
    Coronavirus: 6.728 positivi a Bergamo, +257. Al Papa Giovanni medici dalla Russia
    Giulio Gallera
  • Emergenza coronavirus
    Fondazione Mike Bongiorno dona 100mila euro a Cesvi e ospedale di Bergamo
    Mike bongiorno
  • Le richieste
    Bonus 600 Euro, Fontana e Gallone (FI): “Su autonomi e professionisti errori e confusione”
    Generico aprile 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it