Quantcast
Gallera: "Il pronto soccorso di Alzano subito chiuso e sanificato" - BergamoNews
Le parole dell'assessore

Gallera: “Il pronto soccorso di Alzano subito chiuso e sanificato”

"Il 22 febbraio è stato fatto il tampone, il risultato è arrivato il 23 e immediatamente il pronto soccorso è stato chiuso e sanificato, poi riaperto su indicazione della Regione. Fatti tamponi a personale e malati con polmoniti, contagi subito mappati"

Il pronto soccorso di Alzano Lombardo è stato “subito chiuso e sanificato”. Così l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera a 24Mattino su Radio 24.

“Il 22 febbraio – ripercorre – è stato fatto il tampone, il risultato è arrivato il 23 e immediatamente il pronto soccorso è stato chiuso e sanificato, poi riaperto su indicazione della Regione Lombardia. Contestualmente sono stati fatti i tamponi a tutto il personale e ai malati che avevano polmoniti interstiziale e i contagi vengono subito mappati”. È proprio di oggi, mercoledì 8 aprile, la notizia dell’apertura di un fascicolo d’indagine per chiarire quanto successo.

leggi anche
Ospedale Alzano isolato
Il blitz
Coronavirus, i Nas all’ospedale di Alzano: avviata indagine dalla Procura di Bergamo

Gallera ha definito l’emergenza coronavirus in Lombardia “un fungo atomico che ha travolto tutto”. “Abbiamo avuto il fungo della bomba atomica che ha travolto in maniera indistinta nei territori, negli ospedali e nelle residenze per anziani le persone più fragili – commenta -. Alla fine vedremo, ahimè, i numeri di tutto questo che non credo si discosteranno molto”.

leggi anche
Gallera
Guarda il video
Zona rossa, Gallera: “Potevamo farla, eravamo convinti venisse attivata dal Governo”
leggi anche
alzano
Rifondazione
Indagine sull’ospedale di Alzano: “Si faccia giustizia”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it