Il blitz

Coronavirus, i Nas all’ospedale di Alzano: avviata indagine dalla Procura di Bergamo

Inchiesta per epidemia colposa avviata dal capo facente funzione della Procura di Bergamo, Maria Cristina Rota con due sostituti

I Nas sono arrivati all’ospedale Pesenti-Fenaroli di Alzano Lombardo per  acquisire le cartelle cliniche di quei pazienti risultati contagiati e poi deceduti con coronavirus alla fine di febbraio.

Un blitz che rientra nell’indagine per epidemia colposa avviata dal capo facente funzione della Procura di Bergamo, Maria Cristina Rota con due sostituti per verificare se in quell’ospedale della Valseriana, chiuso il 23 febbraio per qualche ora e poi riaperto, sia stato fatto tutto secondo le regole.

I carabinieri del Nas hanno prelevato documenti che dovranno servire a rispondere a una serie di domande: per esempio perché le analisi per capire se di Covid-19 si trattava sono state effettuate il 22 febbraio, dopo una settimana dal ricovero dei pazienti.

L’inchiesta ora non prevede indagati, si vogliono accertare eventuali negligenze.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
siad
Raggiunto il picco
Coronavirus, Siad: “In calo il consumo di ossigeno negli ospedali, sale quello nelle case”
Consegna a domicilio
E pizzerie
Pranzi e cene a domicilio, a Pasqua e non solo: la mappa dei ristoranti di Bergamo
attilio fontana
Gli ultimi aggiornamenti
Bergamo a quota 9.868 contagi, solo +53 casi: “Pronti coi test sierologici”
ricerca scientifica
All'ospedale di bergamo
Coronavirus, Fondazione Artet promuove uno studio di ricerca sulla coagulazione del sangue
alzano
Rifondazione
Indagine sull’ospedale di Alzano: “Si faccia giustizia”
Humanitas Voice
L'iniziativa
Humanitas Voice: in podcast storie dal fronte della cura insieme a personaggi famosi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI