Setta degli orrori con adulti manipolati e abusi su minori: in carcere "santone" bergamasco - BergamoNews
Ad almenno san salvatore

Setta degli orrori con adulti manipolati e abusi su minori: in carcere “santone” bergamasco

Quando i carabinieri hanno visionato le immagini registrate durante le sedute non credevano ai loro occhi: 50enne in carcere

Quando i carabinieri di Almenno San Salvatore hanno visionato le immagini registrate durante le sedute non credevano ai loro occhi. Nei filmati apparivano persone che subivano maltrattamenti e umiliazioni di ogni genere, attraverso riti celebrati da un “santone” bergamasco.

L’uomo, 50 anni, è stato arrestato al termine di una lunga indagine su una setta degli orrori che trovava ospitalità in abitazioni della provincia di Ascoli Piceno e di Fermo, nelle Marche.

I fatti sarebbero avvenuti tra il 2012 e il 2014. Secondo quanto ricostruito dai militari bergamaschi con i colleghi del Nucleo operativo di Ascoli, coordinati dal procuratore di Ascoli Piceno Umberto Monti, il 50enne, che si definiva guida spirituale e vantava lauree risultate fittizie, con cadenza periodica riuniva un gruppo di persone provenienti da tutta Italia in alcuni appartamenti di proprietà degli stessi partecipanti.

Nel corso delle sedute l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, sottoponeva i presenti a vere e proprie prove di resistenza fisica e spirituale, fino ad arrivare a maltrattarli e a manipolarli psicologicamente. Non disdegnava nemmeno i rapporti sessuali. Il tutto ripreso con una telecamera.

Ma non solo adulti, perché nella trappola sarebbero finiti anche due bambini, due fratellini, maschio e femmina, che sarebbero stati abusati dal santone.

L’incubo si è concluso nei giorni scorsi, quando i carabinieri di Almenno San Salvatore hanno notificato all’uomo, convivente, il provvedimento di custodia cautelare in carcere. Ora è rinchiuso nel penitenziario di via Gleno a Bergamo in attesa dell’interrogatorio di convalida.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it