Quantcast
Coronavirus, task force italo-russa per sanificare 64 Rsa a Bergamo - BergamoNews
Con ats

Coronavirus, task force italo-russa per sanificare 64 Rsa a Bergamo fotogallery

Oltre 150 gli uomini al lavoro tra italiani e russi. Alla loro guida c’è il tenente colonnello Dario De Masi, componente dell’Unità specialistica dell’Esercito italiano, 7° reggimento CBRN (chimica, biologica, radiologica, nucleare).

Una task force italo-russa è al lavoro da oltre una settimana per sanificare le residenze sanitarie assistenziali della provincia di Bergamo. Trentatrè le strutture su cui i militari dell’Esercito sono già intervenuti su un totale di 64. Oltre 150 gli uomini al lavoro tra italiani e russi. Alla loro guida c’è il tenente colonnello Dario De Masi, componente dell’Unità specialistica dell’Esercito italiano, 7° reggimento CBRN (chimica, biologica, radiologica, nucleare).

Il Comandante ci spiega che la Difesa, con le sue forze armate, concorre in caso di necessità ed emergenza in supporto alle istituzioni dello Stato. In questo caso è il coronavirus a determinarne la presenza sul territorio. A Bergamo sono presenti circa 50 unità (persone), che includono personale specialistico del 7° reggimento, un nucleo di interpreti e personale della logistica. A dare man forte i colleghi russi (105 tra unità specialistiche, personale sanitario e nucleo interpreti), anche loro esperti in materia di difesa CBRN.

L’Unità dell’Esercito è in grado di svolgere tutti i compiti connessi alla difesa chimica, biologica, radiologica, nucleare. Questo grazie alla formazione di base comune a tutti gli appartenenti alla specialità (una panoramica generale dei rischi associati alla minaccia CBRN che include il rischio associato all’utilizzo di armi di distruzione di massa o al rilascio, intenzionale o casuale, di agenti o sostanze pericolose) e poi a corsi di formazione avanzata, in Italia e all’estero, che tengono conto degli incarichi specifici di ciascuno.

Nelle Rsa bergamasche i militari procedono alla sanificazione attraverso agenti bonificanti nei locali individuati dai direttori di ciascuna residenza sanitaria.

leggi anche
Jeremy Yap Unsplash
Il dibattito
Riaprire le chiese a Pasqua? La proposta di Salvini non piace ai parroci bergamaschi
Boffetti Marino di Almè
La donazione
La Boffetti Marino di Almè dona 50mila euro all’ospedale Papa Giovanni
neonata salvata e accolta in ospedale
Bergamo
Mamma ricoverata, papà in condizioni precarie: neonata salvata e accolta in ospedale
calderoli conte
La polemica
Calderoli: “Governo responsabile mancata zona rossa Alzano-Nembro”; Conte: “Poteva farla la Regione”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it