BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Errori e colpe di una strage impensabile

Detto che siamo di fronte a un evento eccezionale e che forse nessuno poteva da subito capirne l’immensa virulenza, non possiamo nascondere che ci sono stati errori gravi, che hanno contribuito a causare vittime e perdite immense a migliaia di famiglie.

Più informazioni su

Da quando il mondo ha capito quanto è tragica la situazione Coronavirus in Bergamasca, e cioè da quando – era la sera del 18 marzo – tutti hanno assistito a quell’indimenticabile corteo funebre coi camion dell’esercito pieni di bare portate a cremare in altri cimiteri perché i forni cittadini non bastavano, è un fiorir di articoli e servizi tv che puntano il dito. Che hanno, in una settimana o due, trovato i “colpevoli”.

Le colpe, già. Le responsabilità, già. Doveroso cercarle, segnalarle, più che legittimo chiedere inchieste per capire come e perché e a causa di chi (singoli o gruppi, privati o pubblici) nella provincia di Bergamo si siano toccate vette incredibili di vittime: ormai oltre le cinquemila.

Non pensiamo così di assolverci. Perché siamo in tanti ad aver contribuito a una diffusione eccezionale, che non si è registrata in altre realtà italiane e neppure lombarde.

Che dite di un ospedale, quello di Alzano, dove, dopo che è transitato al pronto soccorso un contagiato, poi deceduto, ha “solo” chiuso lo stesso pronto soccorso per mezza giornata (è il 23 febbraio), e poi riaperto mentre il virus si diffondeva a medici, pazienti, parenti e chissà quanti ancora?

Che dite delle corse al supermercato e delle resse non appena si è saputo che si stavano assumendo le prime misure anti contagio (23 febbraio)?

Che dite di chi, imprenditori e amministratori locali (27 febbraio e successivi), si è dichiarato allarmato e impaurito per la chiusura dei due paesi nel timore di danni enormi per l’economia?

Che dite degli inviti del sindaco e dei negozianti cittadini, con tanto di sconti sul prezzo del bus, per venire a Bergamo a far shopping dai paesi limitrofi, anche da quei due, Alzano e Nembro, già portatori positivi del virus (28 febbraio)?

Che dite di una Regione Lombardia che, invece di agire immediatamente decretando la zona rossa in quell’area non appena ci si è resi conto della straordinaria situazione, ha temporeggiano in attesa delle decisioni del Governo (29 febbraio)?

Che dite degli ammassamenti sulle piste di sci della Valseriana quando già era noto a tutti il pericolo contagio (7 marzo)?

Che dite di un Governo che, nonostante le richieste esplicite dell’Istituto superiore di sanità (3 marzo) non ha optato per la zona rossa in Valseriana, ma ha deciso di chiudere in modo più blando la Lombardia intera solo l’8 marzo?

Che dite degli allarmi lanciati dai sanitari sulla mancanza di protezioni adeguate, a cominciare da quello di un gruppo di medici del Papa Giovanni al New England Journal of Medicine del 24 marzo? E di quelli dei medici di base?

Che dite delle morti solitarie e innumerevoli (più di 600) nelle Residenze sanitarie per anziani?

Che dite dell’Organizzazione mondiale della sanità che solo dopo mesi, ai primi di aprile, sta per rivedere l’uso delle mascherine, ritenendo che vadano indossate da tutti e non solo da chi è contagiato?

È un piccolo elenco dei tanti errori e delle colpe. È una rapida ricostruzione con tanto di date che indicano come all’inizio moltissimi abbiano sottovalutato la fortissima contagiosità del Covid-19.

Detto che siamo di fronte a un evento eccezionale e che forse nessuno poteva da subito capirne l’immensa virulenza, detto che stiamo assistendo agli stessi errori da parte del resto del mondo (dagli Stati Uniti alla Spagna), colpito peraltro dopo di noi e quindi avvisato e teoricamente preparato, non possiamo nascondere che di errori gravi si tratta che, volenti o nolenti, hanno contribuito a causare vittime e perdite immense a migliaia di famiglie. Dolore e lutti.

Errori che peseranno sulla coscienza di chi non ha fatto quanto era in suo potere per fermare o almeno ridimensionare questa strage.

Responsabilità che dovranno emergere con chiarezza e, se organismi competenti decideranno in tal senso, andranno punite.

Perché esiste una gerarchia anche nelle colpe.

Che non assolvono comunque i singoli menefreghisti, quelli ancora adesso a spasso in gruppo senza mascherine e senza motivo.

Prima erano innocenti. Ora, dopo quei carri dell’esercito, siamo davvero tutti coinvolti.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bit

    La ricostruzione delle sequenza partendo dall’Ospedale di Alzano è parziale. L’infezione era già presente ad Alzano, Nembro ecc, come in altri comuni della Bergamasca certamente fin dalla metà di gennaio. Quindi all’Ospedale di Alzano le persone sono state infettate o hanno infettato?

    Catastrofico è stato l’approccio nazionale e locale alla possibile pandemia. Si sono inseguiti “untori singoli” quando, con la globalizzazione, dalla Cina abbiamo importato il virus in dicembre gennaio.

  2. Scritto da melloca

    non posso che concordare…..Non dmentichiamo inoltre che dal 31 gennaio era stato emanato lo stato di elevato rischio pandemia….Sea muovere foglia fino al 23 febbraio.
    vergognosa la gestione emergenza nell’ospedale di Alzano

  3. Scritto da enrico

    che ne dite dei giornalisti che dicono delle falsità ?
    le regioni non hanno nessun potere di decretare le zone rosse
    capisco che dare la colpa a tutti è il gioco del momento ,tutti colpevoli nessun colpevole ma sulla mancata zona rossa la responsabilità è chiara è il Governo che ne decreta l’istituzione come è successo a Codogno e Vo’

      1. Scritto da Tizi

        L’atto conclusivo, quello di definitiva approvazione della nuova perimetrazione, spetta al Dipartimento nazionale della Protezione civile e avverrà nei prossimi giorni.

        Questo è scritto nel link che avete messo, quindi esiste sempre un entità superiore alla quale spetta la decisione finale

        1. Scritto da Redazione Bergamonews

          Sta di fatto che varie regioni hanno deciso, non solo la Campania, ma anche l’Emilia Romagna, per citarne un’altra

          1. Scritto da gino

            hanno decretato zona rossa autonomamente regione emilia romagna , regione campania , calabria .
            in quanto al presidente di regione e sindaco di alzano che spingono per avere massimo rigore , si vedano interviste disponibili in rete registrate i primi di marzo . se volete le allego .

          2. Scritto da melloca

            Sono ovviamente d’accordo…Un presidente di regione che in tv spingeva per il massimo rigore e, a Roma da quanto oggi si legge sul Corriere mandava messaggi di tutt’altro tenore….Alla fine spero si possano evidenziare responsabilità e, speriamo, condanne per i responsabili

  4. Scritto da gino

    analisi perfetta , domande che credo purtroppo resteranno senza risposta .
    colpa sua , colpa mia………..

  5. Scritto da Giacomo

    Ottima analisi e domande che dovranno avere risposte ad emergenza finita.

    Aggiungerei anche la seguente domanda.

    Che dite dei sindaci che, pur vedendo decine di concittadini soffrire e morire non hanno preso coraggio sopperendo alle negligenze e ritardi di stato e regione andando a utilizzare i poteri eccezionali a loro conferiti dalla legge 267/2000 (TUEL) chiudendo tutto e dichiarando zona rossa ?