Quantcast
Bergamo, rinforzi in Questura con il commissario Martina Casati - BergamoNews
Polizia

Bergamo, rinforzi in Questura con il commissario Martina Casati

Alla dottoressa Casati, che inizia la propria avventura professionale nella città di Bergamo in un momento particolarmente complesso per la provincia, il Questore Maurizio Auriemma formula i migliori auspici per una brillante carriera

Lunedì 6 aprile il Questore della provincia di Bergamo, Maurizio Auriemma, ha accolto, proveniente dalla Scuola Superiore di Polizia per il tirocinio operativo al termine del corso di formazione per funzionari, il Commissario della Polizia di Stato Marta Casati.

Originaria della Provincia di Lecco, si è laureata nell’anno 2013 all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano – facoltà di Giurisprudenza, ha effettuato un tirocinio negli uffici della Procura di Milano sezione Direzione Distrettuale Antimafia di Milano mentre frequentava la Scuola di Specializzazione per le professioni legali presso gli atenei Bocconi di Milano e Università degli studi di Pavia.

Casati è abilitata alla professione forense che ha esercitato negli anni 2018 2019 in uno studio legale di Roma e durante il corso di formazione da funzionario alla Scuola Superiore di Polizia ha conseguito il Master in Scienze della Sicurezza all’Università La Sapienza di Roma.

Alla dottoressa Casati, che inizia la propria avventura professionale nella città di Bergamo in un momento particolarmente complesso per la provincia, il Questore Maurizio Auriemma formula i migliori auspici per una brillante carriera.

leggi anche
vicequestore Addato
Polizia
Il vicequestore Addato lascia Bergamo: “16 anni tra gli ultrà, sempre buoni rapporti”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it