Mascherine e gel igienizzanti alle stelle, "si specula sui dispositivi per la salute, denunciate" - BergamoNews
Adiconsum bergamo

Mascherine e gel igienizzanti alle stelle, “si specula sui dispositivi per la salute, denunciate”

L'associazione invita a segnalare eventuali 'stranezze' a Mister Prezzi, servizio del ministero dello sviluppo economico

“È nell’emergenza che la gente dà il meglio di sé. Qualcuno, però, dà il peggio!”. Mina Busi, presidente di Adiconsum Bergamo reagisce così alle notizie sui vari tipi di sciacallaggio emersi durante questi giorni di epidemia. I prezzi di mascherine e altri dispositivi che schizzano alle stelle, commercio spesso irresponsabile di prodotti che necessiterebbero di luoghi di vendita appropriati.

“È stata fatta da parte di alcuni un’azione di vero sciacallaggio: abbiamo avuto notizie di mascherine passate da 0,9 centesimi a 6 euro. Anche le farmacie non si comportano in modo diverso, e in alcuni casi lo stesso prodotto costa 4 volte di più. Oltretutto non sappiamo quali siano le mascherine più adatte; anche in televisione si vedono le tipologie più variegate, dalla semplice di ‘pezza’ a quella più strutturata. Considerando che dovremo portarle anche quando avremo la possibilità di uscire, occorre che si intervenga per garantire la sicurezza”.

leggi anche
  • Coronavirus
    Il numero verde della Croce Rossa per chi è rimasto senza medico di famiglia
    volontari Cri

La pandemia ha trovato il nostro paese impreparato. “La verità – prosegue – è che essendo merce a basso valore aggiunto le facevano solo nei paesi dell’estremo oriente, pagando il personale un dollaro al giorno. Erano e sono mascherine che costavano poco e non valevano nulla probabilmente, ora costano care, ma non avranno aumentato la loro efficacia. Inoltre, assistiamo anche alla vendita di mascherine senza alcuna efficacia, visto che non sono mascherine Ffp3 o, almeno, Ffp2”.

Chi sta speculando? “È inaccettabile farlo sulla pelle delle persone con prezzi assurdi e offerte ingannevoli – osserva Busi -. L’Antitrust ha aperto delle istruttorie nei confronti delle piattaforme Amazon e Ebay concernenti alcuni profili relativi alla commercializzazione di prodotti igienizzanti e disinfettanti per le mani, di mascherine di protezione delle vie respiratorie e di altri prodotti igienico-sanitari. Oggetto dei due procedimenti avviati sono, da un lato, la presenza di claim relativi all’asserita efficacia dei singoli prodotti in termini di protezione e di contrasto nei confronti del suddetto virus Covid-19; dall’altro lato, l’ingiustificato e consistente aumento dei prezzi fatto registrare per la vendita di questi prodotti nelle ultime settimane. Analoga allerta da parte dell’Autorità sule piattaforme dell’e-commerce”.

ECCO A CHI SEGNALARE

Adiconsum Bergamo consiglia di segnalare eventuali ‘stranezze’ a Mister Prezzi, servizio del ministero dello sviluppo economico.

Ufficio del ministero dello Sviluppo economico.

E-mail: misterprezzi@mise.gov.it
PEC: misterprezzi@pec.mise.gov.it

Ufficio di supporto al Garante
Direzione Generale Mercato, Concorrenza, Consumatore, Vigilanza e Normativa Tecnica
Div. V – Progetti per i consumatori. Monitoraggio dei prezzi e statistiche sul commercio e sul terziario

Tel. (+39) 06 4705 5434
Fax (+39) 06 4821706
Via Sallustiana, 53 – 00187 Roma

leggi anche
  • La richiesta
    La Comunità Montana Valle Seriana chiede a Sab il rimborso degli abbonamenti degli studenti
    Sab
leggi anche
  • Il viaggio
    I numeri di una vuota domenica primaverile: Lovere-Bergamo, 39 auto, 2 moto, un trattore
    Lovere coronavirus
  • Fisco facile
    Il Bonus baby sitting: chi può averlo e come si fa
    mamma bimbo ok unsplash
  • La lettera
    “Abito ad Alzano e lavoro al Papa Giovanni: trattato come un untore”
    Polizia carabinieri
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it