Quantcast
Easycom & C., dalle vetrine della moda ai sistemi di protezione per il Coronavirus - BergamoNews
Dentro l'emergenza

Easycom & C., dalle vetrine della moda ai sistemi di protezione per il Coronavirus

Dalle vetrine della moda ai sistemi di protezione per esercizi pubblici ed uffici: una nuova ripartenza per la bergamasca Easycom & C

Creatività a tutela della salute. Si può sintetizzare così la storia di Easycom & C, azienda bergamasca che, per fronteggiare l’emergenza sanitaria Covid19, ha deciso di diversificare la sua attività producendo dispositivi protettivi per chi è al contatto col pubblico in esercizi commerciali ed uffici.

Nata nel 2007 con sede a Treviglio, l’azienda si occupa di visual merchandising per il settore della moda. Nel corso degli anni ha firmato allestimenti di vetrine e show-room per grandi Brand di moda, portando letteralmente la qualità del Made in Italy in alcune delle vetrine più ammirate in Italia, Europa e negli USA.

“Ci occupiamo di rendere lo spazio un luogo emozionale e curato – racconta Michele Rubbi, titolare di Easycom & C – supportando i nostri clienti per tutto il processo, attraverso una serie di attività svolte internamente, dalla creatività all’ingegnerizzazione del progetto, dalla prototipazione alla produzione”.

easycom group

Nel 2014 dall’esperienza di Easycom & C è nato Deluxesign, realtà giovane e creativa, con sede sempre nella bergamasca, che produce oggetti e complementi d’arredo dal design contemporaneo e originale.

“L’emergenza Covid 19 ci ha colti alla sprovvista, come tutti – prosegue Rubbi – giorno dopo giorno abbiamo visto la situazione peggiorare sempre di più nella nostra provincia ed in quelle vicine, in particolare a Brescia e Milano”.

Immediatamente sono state messe in campo tutte le misure necessarie per tutelare la salute dei dipendenti, con la chiusura dei reparti dove non è stato possibile attivare forme di smart-working.

“Mi sono chiesto però se non fosse possibile fare qualcosa di concreto non solo per garantire continuità lavorativa ai dipendenti, ma anche per supportare chi è più a rischio in questa situazione di emergenza”.

Il know-how maturato in questi anni ha consentito di mettersi al lavoro per creare qualcosa di diverso dal core-business tradizionale.
“Abbiamo così progetto e prodotto sistemi di protezione per chi lavora a contatto con il pubblico – spiega Rubbi – pensando a chi sta dietro una cassa in un supermercato o ristorante, ma anche a chi è a contatto con il pubblico in aziende, uffici, luoghi pubblici”.

Il sistema di protezione realizzato in plexiglass da Easycom & C è di facile utilizzo, semplice da igienizzare. Come è nel Dna dell’azienda, è stata posta attenzione anche alla cura del design. Inoltre, grazie alla rete di fornitori, può fornire kit anti-Covid, quali termoscanner e termometri digitali, necessari per la prevenzione.
L’azienda, che conta 30 persone tra dipendenti e collaboratori, ha potuto così ripartire, avviando questa nuova attività, in attesa di riprendere anche il business più tradizionale

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
albino nel cuore
Oltre l'emergenza
Nasce Albino nel cuore, il volontariato fa rete oltre la spesa a domicilio
scaglia assemblea confindustria
Osservatorio confindustria
Coronavirus, l’84% delle imprese bergamasche ricorrerà alla cassa integrazione
Francesco Acerbi
La sfida benefica
Coronavirus, Francesco Acerbi lancia una gara di flessioni per aiutare l’Ospedale Papa Giovanni XXIII
Daniele Rocchetti
Coronavirus
Le Acli si mobilitano: “Nuove forme di prossimità per affrontare l’emergenza”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI