Quantcast
Alimenti da donare ai bisognosi: Coldiretti Bergamo lancia la "Spesa sospesa" - BergamoNews
L'iniziativa

Alimenti da donare ai bisognosi: Coldiretti Bergamo lancia la “Spesa sospesa”

Una donazione (in alimenti o in denaro) per far avere un aiuto in prodotti di prima necessità a chi in questo momento di emergenza si trova in difficoltà

Coldiretti Bergamo, in collaborazione con Campagna Amica, ha promosso la Spesa sospesa, un’iniziativa che si propone di contribuire all’acquisto di prodotti 100% italiani, da destinare agli anziani e alle famiglie più bisognose della città grazie alla collaborazione della Fondazione Opera Bonomelli di Bergamo. L’emergenza Covid-19 infatti non sta causando solo un isolamento sociale ma sta determinando un isolamento economico sempre più marcato.

Dai prossimi giorni i produttori di Campagna Amica inizieranno a fornire alla Fondazione diretta da Giacomo Stefano Invernizzi una serie di prodotti che verranno raccolti direttamente dalle aziende agricole che effettuano la vendita diretta, grazie anche alla generosità dei loro clienti.

Chi farà la spesa presso questi punti vendita, potrà fare una donazione volontaria, in prodotti o in denaro, che servirà per comporre i pacchi da donare ai cittadini che ne hanno bisogno, sul modello dell’usanza campana del “caffè sospeso”, quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo e che non ha i mezzi per saldare il conto.

“Si è un’altra azione di grande responsabilità messa in atto dall’agricoltura bergamasca e della nostra rete di Campagna Amica – spiega il presidente di Coldiretti Bergamo, Alberto Brivio -. Volgiamo fare la nostra parte per aiutare quelle persone che in questa fase buia per la nostra comunità stanno avendo delle difficoltà. Offrendo generi alimentari del nostro territorio speriamo di riuscire a portare un po’ di serenità a chi sta soffrendo. Ringrazio i cittadini che parteciperanno e tutti i nostri associati che, seppur tra mille problemi, si stanno impegnando nella rete di solidarietà che stiamo costruendo e che conferma il grande cuore del mondo agricolo”.

La possibilità di contribuire è aperta a tutti, infatti è possibile anche fare una donazione per la “Spesa sospesa” tramite un bonifico bancario all’Iban IBAN: IT43V0200805364000030087695

Coldiretti Bergamo sottolinea che con la spesa sospesa si vuole contribuire ad alleggerire una situazione in cui le misure restrittive per contenere il contagio e la perdita di opportunità di lavoro, anche occasionale, hanno aggravato la situazione e aumentato il numero dei quasi 2,7 milioni di persone che in Italia sono costrette a chiedere aiuto per il cibo con la distribuzione di pacchi alimentari o nelle mense, secondo l’analisi della Coldiretti su dati Relazione annuale Fead del giugno 2019.

Ad essere in difficoltà sono tra le categorie più deboli quasi 113mila senza fissa dimora, oltre 225mila anziani sopra i 65 anni, e 455mila bambini di età inferiore ai 15 anni che ricevono aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead.

leggi anche
albino nel cuore
Oltre l'emergenza
Nasce Albino nel cuore, il volontariato fa rete oltre la spesa a domicilio
mascherine
L'ordinanza
Coronavirus, Regione Lombardia: “Obbligo di copertura naso e bocca per chi esce di casa”
Generico aprile 2020
I dati di oggi
Coronavirus, a Bergamo non si arrestano i contagi: 9.588 i positivi, 273 nelle ultime 24 ore
Protestano sabato i produttori di latte
Coldiretti bergamo
Latte, industria abbassa il prezzo alla stalla: “Non copre neanche i costi di produzione”
spesa sospesa
Dove e quando in bergamasca
Nei mercati dei contadini la “spesa sospesa” per aiutare le famiglie bisognose
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it