BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coronavirus, Palazzo Frizzoni apre due linee telefoniche per i parenti delle vittime

L'assessore Giacomo Angeloni: "È un segno di vicinanza a chi sta attraversando momenti difficili, che può cercare di affievolire il dolore dell’abbandono e restituire un barlume di certezza in questo periodo di spaesamento"

In questo periodo di smarrimento, la mutazione delle pratiche quotidiane a cui siamo abituati ha colpito anche uno degli aspetti più delicati del nostro vivere comune: l’addio ai nostri cari.

servizi cimiteriali

“Senza nulla togliere allo straordinario lavoro che le imprese di pompe funebri e gli operatori cimiteriali stanno svolgendo per fronteggiare la situazione, è innegabile ammettere che funerali, momenti di commiato e sepolture hanno dovuto assumere una nuova forma, molto più asettica che, nell’emergenza del momento, fatica a riconoscere la dignità che spetterebbe a quel rito, laico o religioso che sia – afferma Giacomo Angeloni, assessore ai servizi cimiteriali del Comune di Bergamo -. La distanza forzata a cui tutti siamo confinati non è di supporto, il senso di incertezza ci lascia soli nel momento del dolore. Nessuno dimenticherà mai l’immagine dei convogli funebri travestiti da carri militari che richiama momenti di guerra. Ma non è una guerra. “Non è una guerra perché le guerre si combattono con lo scopo di difendere e preservare il proprio stile di vita. L’emergenza ci chiede, invece, non solo di progettare cambiamenti sostanziali, ma di ridiscutere interamente la nostra gerarchia dei valori e il nostro modo di pensare”, ha scritto Annamaria Testa su Internazionale”.

Le nozze di Gandi

“Anche per questo motivo l’Assessorato ai Servizi Cimiteriali ha messo a disposizione un servizio telematico per tutti coloro che hanno perso i loro cari – conclude Angeloni -. Un numero di telefono, per dare informazioni grazie al programma informatico che permette di tracciare il percorso della salma e delle ceneri del defunto fino al luogo esatto della sua sepoltura. È un segno di vicinanza a chi sta attraversando momenti difficili, che può cercare di affievolire il dolore dell’abbandono e restituire un barlume di certezza in questo periodo di spaesamento”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.