Quantcast
Coronavirus, Bergamo piange un altro medico: addio a Marino Signori - BergamoNews
Aveva 61 anni

Coronavirus, Bergamo piange un altro medico: addio a Marino Signori

Era responsabile del servizio di medicina del lavoro di tutta la Asst Bergamo Est. Si è spento in ospedale a Lecco

Aveva 61 anni Marino Signori, responsabile del servizio di medicina del lavoro di tutta la Asst Bergamo Est. Colpito fin dai primi giorni dalla diffusione del Coronavirus, si è spento all’ospedale di Lecco.

“Per tanti giorni abbiamo tifato per lui e qualche giorno fa eravamo tornati a sperare – commenta affranta una collega – Marino era un uomo gentile e cordiale, una bella persona e un bravissimo medico”.

Residente a Nembro, lascia la moglie Roberta con le figlie Clara e Simona.

Secondo la Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri (FNOMCeO) sono almeno 67 i camici bianchi scomparsi durante l’epidemia di Coronavirus. Molti di questi residenti in Bergamasca.

leggi anche
Medico assenteista
Bassa
Anche Martinengo piange il suo dottore: addio a Guido Riva
leggi anche
medici di famiglia
L'emergenza
Bergamo, addio ai dottori Giulio Calvi e Benedetto Comotti
leggi anche
Vincenza Amato
Il lutto
L’Ats di Bergamo piange la dottoressa Vincenza Amato
leggi anche
Parcheggio nuovo ospedale
Coronavirus & solidarietà
Sosta gratuita fino a maggio per i dipendenti dell’ospedale di Bergamo
angelo radici camici ospedale
Oltre l'emergenza
Radici Group, pronto il tessuto speciale: i primi 5 mila camici al Papa Giovanni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it