Coronavirus: addio a Mario Pagani, vicesindaco di Castelli Calepio - BergamoNews
Il lutto

Coronavirus: addio a Mario Pagani, vicesindaco di Castelli Calepio

Classe 1958, era un imprenditore molto conosciuto nonchè uno dei principali esponenti dell’amministrazione Benini

Si è spento Mario Pagani, vicesindaco e assessore al bilancio di Castelli Calepio. Il Coronavirus si è portato via anche lui in questo periodo drammatico, segnato dalla pandemia con tanti lutti, contagiati e paura.

Classe 1958, era un imprenditore molto conosciuto nonchè uno dei principali esponenti dell’amministrazione Benini. La sua azienda che gestiva insieme ai fratelli è una delle poche ditte che inceppa campane in provincia di Bergamo.

Esprimendo il dolore per la morte di Mario Pagani, sulla propria pagina Facebook la locale sezione Ana scrive: “Il gruppo Alpini di Castelli Calepio si unisce al dolore della famiglia Pagani per la perdita del caro Mario. Sempre pronto a sostenere le nostre iniziative, lo ricorderemo sempre con affetto. Ciao Mario”.

Sono numerosi i messaggi di cordoglio e di vicinanza espressi in queste ore alla moglie e ai figli da parte di amici, conoscenti e compaesani anche attraverso i social.

leggi anche
  • Il lutto
    Bergamo piange Beppe Rota, il suo impegno per il quartiere e le associazioni
    Beppe Rota
  • Azienda biofarmaceutica
    Coronavirus: Ipsen dona 200mila euro alla Protezione Civile e all’ospedale di Bergamo
    Ospedale Papa Giovanni medico dottore
  • Castelli calepio
    Amianto alla Fratus: nuovo blitz dei carabinieri; il sindaco indagato: “Non ho colpe”
    carabinieri noe
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it