Officina offre la manodopera per le riparazioni dei veicoli di medici, infermieri e volontari - BergamoNews
Coronavirus

Officina offre la manodopera per le riparazioni dei veicoli di medici, infermieri e volontari

Guru Motors di Brusaporto è disponibile a offrire gratuitamente la manodopera ad esclusione del materiale di ricambio

L’officina Guru Motors a Brusaporto si impegna a effettuare le mansioni di riparazione dei veicoli gratuitamente per tutti coloro che stanno combattendo la lotta, in prima linea, contro il Coronavirus sul territorio bergamasco mettendo a rischio la propria salute.

L’iniziativa è rivolta ai medici, agli infermieri, agli operatori sanitari e ai volontari che in questo periodo sono al servizio ospedaliero, gli ospedali per i mezzi aziendali, la Croce Verde e le forze dell’ordine.

La società è disponibile a offrire gratuitamente la manodopera ad esclusione del materiale di ricambio (riparazione e sostituzione gomme completamente gratuito). I clienti possono portare direttamente i ricambi in caso di necessità o possono rivolgersi all’officina accordandosi con il personale presente.

Servizi
La società offre i seguenti servizi:
La riparazione meccanica (auto e veicoli industriali)
I servizi dell’elettrauto
La riparazione o sostituzione Gomme
La macchina sostitutiva in caso di necessità

Per qualsiasi tipo di riparazione l’officina chiede di contattare telefonicamente per prendere l’appuntamento prima di recarsi sul posto (tranne per i casi di urgenza) in modo da offrire un buon servizio: cell. 3245317521 – tel. 035751568 email:info@gurumotors.it

leggi anche
  • Emergenza coronavirus
    Il ministro Speranza: “Misure restrittive in vigore fino a Pasqua”
    speranza papa giovanni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it