Fiera di Bergamo, viaggio nell'ospedale da campo pronto per 142 pazienti Covid - BergamoNews
Verso l'inaugurazione

Fiera di Bergamo, viaggio nell’ospedale da campo pronto per 142 pazienti Covid fotogallery video

La struttura, che dovrebbe essere ultimata mercoledì, sarà gestita dall’azienda ospedaliera Papa Giovanni in collaborazione con il personale di Emergency

Un anno fa, in questi giorni, la fiera di Bergamo si apprestava a ospitare Lilliput, tre giorni di festa e di colori per grandi e piccini. A distanza di dodici mesi il clima qui è del tutto diverso. In meno di dieci giorni un folto gruppo di volontari coordinati dall’associazione alpini hanno trasformato gli interni del polo fieristico di via Lunga in un ospedale da campo pronto ad accogliere i pazienti che stanno lottando contro il Coronavirus.

I posti letto sono 142, 72 dei quali destinati alla terapia intensiva e sub-intensiva, e i restanti a chi sta uscendo dalla fase critica. La struttura, che dovrebbe essere ultimata mercoledì primo aprile, sarà gestita dall’azienda ospedaliera Papa Giovanni in collaborazione con il personale di Emergency, e ci lavoreranno anche i medici arrivati dalla Cina e dalla Russia.

leggi anche
  • Nella notte
    Coronavirus, arrivati a Bergamo 35 medici russi per l’ospedale da campo
    L'arrivo dei medici russi a Bergamo

Un’opera resa possibile grazie anche alla solidarietà di tanti bergamaschi, aziende, associazioni e privati, come spiega Carlo Conte di Promoberg, anch’esso impegnato nei lavori: “Qui si vede davvero il grande cuore della gente. Centinaia di persone che hanno messo a disposizione alta professionalità, oppure anche solo la manodopera. Tutto fatto con il cuore.

Impossibile citare tutti, sono troppi. Anche le tante aziende che hanno messo qualcosa non voglio ottenere visibilità, l’hanno fatto solo con l’intento di aiutare il territorio in questo momento difficile”.

leggi anche
  • Al lavoro
    Coronavirus: l’impegno degli artigiani di Bergamo per l’ospedale da campo
    artigiani ospedale da campo coronavirus

Dall’idea al progetto, passando per la realizzazione, sono passate meno di due settimane: “C’è stato un intenso lavoro di progettazione grazie al supporto degli operatori del Papa Giovanni, che si sono resi disponibili fin dall’inizio. Di Ana, l’associazione nazionale Alpini che ha dato una grande mano per rendere l’opera adatta alla struttura della Fiera.

L’ospedale era nato con l’idea di un centro solo di alleggerimento per i presidi del territorio, in realtà invece ha reparti di terapia intensiva e sub intensiva, quindi si affianca a loro nel gestire ogni tipo di paziente”.

leggi anche
  • Mediazione familiare
    Avviso pubblico per l’avvio di interventi a favore dei coniugi separati o divorziati con figli
    Coniugi separati o divorziati: il consiglio regionale approva la legge
  • Istituto santa lucia
    Un decalogo per star bene a scuola anche da casa
    studentessa computer (foto JESHOOTS.COM da Unsplash)
  • Emergenza coronavirus
    Il ministro Speranza: “Misure restrittive in vigore fino a Pasqua”
    speranza papa giovanni
  • Il lutto
    Clusone piange Aldo Consonni, storico capogruppo degli Alpini
    Aldo Consonni
  • Coronavirus & solidarietà
    Aci Bergamo: sostegno e invito a donare all’ospedale da campo degli alpini
    aci coronavirus
  • Coronavirus & solidarietà
    SVR dona crema per i lividi causati dalle mascherine a medici e infermieri della Gavazzeni
    sara colombo infermiera lividi coronavirus facebook
  • Consiglieri regionali
    Malanchini e Violi: “Progetto di Legge per la riconoscenza alla solidarietà degli alpini”
    Ospedale da campo
  • La decisione
    Il 2 aprile sarà la giornata lombarda del “grazie” agli Alpini
    alpini fontana regione consiglio
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it