Coronavirus, Ubi Banca vara un programma di 10 miliardi: "Rilancio Italia" - BergamoNews
L'intervento

Coronavirus, Ubi Banca vara un programma di 10 miliardi: “Rilancio Italia”

Al centro di “Rilancio Italia”, il programma fino a 10 miliardi di euro avviato da Ubi Banca per finanziare famiglie, imprese e terzo settore colpiti dalla crisi in Italia

Il Consiglio di Amministrazione di UBI Banca presieduto da Letizia Moratti, ha varato “Rilancio Italia”, un programma integrato che comprende una pluralità di interventi urgenti del valore complessivo e disponibile, fino a 10 miliardi di euro. Il sistema di iniziative riguarda tutti i segmenti di clientela del Gruppo bancario: le imprese per assicurarne continuità operativa a fronte di possibili crisi della liquidità; famiglie, individui ed enti del terzo settore per sostenerne la tenuta in un momento sociale potenzialmente critico.

“Il Gruppo UBI è parte essenziale del sistema economico nazionale, e operatore imprescindibile nell’asse industriale Bergamo-Brescia: una delle tre aree industriali più importanti d’Europa”, sostiene Victor Massiah, Consigliere Delegato di UBI Banca, “Lo storico legame con il territorio e un forte senso di responsabilità ci portano ad agire con determinazione per aiutare le famiglie e le imprese ad affrontare la crisi. La forza del nostro bilancio e il radicamento territoriale ci permettono di proporre «Rilancio Italia» per sottolineare l’impegno di una grande banca a favore del Paese”.

È cruciale cominciare a ragionare su quali debbano essere le forze da mettere in campo per liberare di nuovo un’energia che porti alla crescita – prosegue Massiah -. Abbiamo imparato, in questi ultimi anni, che semplicemente tentare di ridurre la spesa, senza favorire la crescita, è un qualcosa che mette in difficoltà il Paese. Non possiamo non pensare al futuro. Questo futuro è fatto di due momenti: un momento iniziale in cui diamo un ponte di liquidità ai privati e alle aziende, accompagnata attraverso la Legge 662 anche a finanziamenti di medio-lungo periodo per la seconda fase, quella del rilancio. Per questo l’abbiamo chiamata ‘Rilancio’, perché è importante dare ulteriore ossigeno alle nostre imprese in particolare per poter pensare al futuro, per poter pensare a rimettersi in sesto, per poter generare quelle forze che devono in qualche modo dare accelerazione alla crescita”.

“Rilancio Italia” si rivolge ai clienti residenti e attivi in tutte le aree di presenza del Gruppo e consiste in una serie di interventi specifici che combinano l’esigenza di affrontare l’urgenza del momento con l’intento di sostenere la ripartenza nei prossimi mesi.

Iniziative a favore delle Imprese

Nuova finanza per liquidità: linee temporanee a breve termine o finanziamenti chirografari, anche tramite l’intervento di garanzie di Stato.
Incremento delle linee di cassa tramite conversione dei fidi accordati: parte delle linee di credito commerciali già deliberate ma ancora non utilizzate possono essere convertite in fidi di cassa temporanei.
Sospensione rimborso finanziamenti: Possibilità di ottenere una moratoria sul pagamento dei finanziamenti in essere.
Consolidamento del debito con finanza aggiuntiva (assistenza L. 662): nuovi finanziamenti concessi grazie a specifiche garanzie pubbliche (assistenza L. 662), per estinguere il debito in essere e concedere contestualmente nuova liquidità.
Sostegno alla digitalizzazione: possibilità di attivare POS GPRS/mobile da remoto, in tempi rapidi e a condizioni agevolate per gli esercenti appartenenti alle categorie delle attività necessarie con possibilità di storno dei canoni e commissioni.

Iniziative a favore di famiglie e individui

Protezione tenore di vita: moratoria sul pagamento dei finanziamenti personali in essere per chi ha subito la perdita o una riduzione del lavoro.
Sospensione mutuo prima casa: possibilità di ottenere una moratoria sul pagamento dei mutui in essere per le categorie e alle condizioni previste dal decreto Cura Italia.
Sostegno alla digitalizzazione: storno di canoni e commissioni alla clientela privata che adotterà sistemi digitali di interazione con la banca per realizzare le principali operazioni.
Sostegno nella gestione dell’emergenza: possibilità di ottenere un anticipo sulla cassa integrazione in deroga.
“Rilancio Italia” rientra nell’ambito della serie di interventi urgenti che ha visto la mobilitazione della banca in favore di istituzioni, imprese e clienti privati colpiti dall’emergenza delle ultime settimane. Tra questi, la donazione di 5 milioni di euro in favore di ospedali e centri di ricerca e numerosi accordi con associazioni di categoria attive a livello locale.

leggi anche
  • Dona 1 milione di euro
    Olimpia Milano scende in campo nella lotta al Coronavirus
    Olimpia Milano
  • Emergenza coronavirus
    Il ministro Speranza: “Misure restrittive in vigore fino a Pasqua”
    speranza papa giovanni
  • Coronavirus
    “Coraggio Italia”, il messaggio dei bambini indiani adottati a distanza da Missione Calcutta
    Generico aprile 2020
  • L'operazione
    Il fondo Clessidra SGR di Carlo Pesenti e Magnetar ricapitalizzano Sisma Spa
    carlo pesenti
  • Banche
    Ubi ed Intesa Sanpaolo botta e risposta sui crediti deteriorati
    banca intesa
  • La lettera
    Ubi Banca, la Moratti agli azionisti: “Nessun dividendo, ma pronti a rilanciare il Paese”
    letizia moratti
  • L'intervista
    Coronavirus, Massiah (Ubi): “Liquidità alle aziende e una pianificazione: così usciremo dalla crisi”
    Victor Massiah
  • In vista dell'assemblea
    Ubi Banca, il Car: “Inaccettabile l’offerta di Intesa-Unipol”
    Ubi Banca ora è Spa: immagini dall'assemblea
  • Il rapporto
    Bank of America: “L’offerta di Intesa per Ubi? Non c’è certezza che abbia successo”
    banca intesa ubi banca
  • L'assemblea
    Ubi Banca approva il bilancio, Moratti: “Sostegno concreto a Bergamo e Brescia”
    Generico aprile 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it