BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coronavirus, le donazioni all’ospedale Papa Giovanni superano i 10 milioni

"Siamo davvero grati ai tanti che anche anonimamente ci stanno aiutando. Oltre all'aiuto concreto ci siamo sentiti abbracciati dall'affetto e la gratitudine di Bergamo, dell'Italia è anche dall'estero" ringraziano dall'ospedale

In questo momento di emergenza Coronavirus il cuore della generosità non ha mai smesso di battere in favore degli ospedali impegnati in prima linea.

Lo striscione per i medici e gli infermieri fuori dall'ospedale Papa Giovanni

Le donazioni al Papa Giovanni XXIII per ora superano i 10 milioni di euro, come confermano dall’ospedale, somme che sono state versate sul conto corrente dell’Azienda ospedaliera di Bergamo (Come donare). (Tra le molte corpose donazioni si segnalano Foppapedretti, Brembo, Ubi Banca, Italcementi, Zanetti,  Heidelberg , Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia, Chimiver, …)

“Siamo davvero grati ai tanti che anche anonimamente ci stanno aiutando. Oltre all’aiuto concreto ci siamo sentiti abbracciati dall’affetto e la gratitudine di Bergamo dell’Italia è anche dall’estero” ringraziano dall’ospedale Papa Giovanni di Bergamo.

A queste si devono aggiungere il milione e 350 mila euro, ma si punta ad arrivare al milione e mezzo, raccolto da Cesvi (clicca qui) con una campagna ad hoc che ha visto scendere in prima linea Cristina Parodi e poi volti dello spettacolo nazionale come Lella Costa e Claudio Bisio.

Ascolta qui l’appello audio di Lella Costa.

Un impegno che vede impegnati anche Casa Surace e Nonna Rosetta.

A queste si somma l’impegno della Fondazione Rava che dal 24 marzo scorso ha consegnato una nuova apparecchiatura per la terapia intensiva, un sistema di radiografia mobile portatile al posto letto del paziente. La Fondazione sta raccogliendo fondi per una seconda macchina con la stessa funzione. A Bergamo sono in servizio le due volontarie infettivologhe le dottoresse Alessia Pria, in prima linea con la Fondazione Rava anche nell’emergenza colera in Haiti, e Maddalena Cerone, venute appositamente da Londra per dare il loro aiuto nel Reparto Covid della struttura ospedaliera bergamasca.

Tra i primi a farsi portavoce per la raccolta fondi anche Gian Piero Gasperini e l’Atalanta, il mister ha donato 50mila euro e ha girato un video appello per la raccolta fondi. Josip Ilicic ha devoluto a favore dell’ospedale Papa Giovanni XXIII il pallone che si era portato a casa come trofeo personale dopo i 4 gol realizzati al Valencia negli ottavi di finale di ritorno di Champions League disputati al “Mestalla” il 10 marzo scorso e vinti 4-3.

A questi si sommano “Tutti i proventi dei download e dei diritti d’autore ed editoriali (Facchinetti/D’Orazio)” della canzone “Rinascerò, rinascerai” scritta e cantata da Roby Facchinetti. Il cantante bergamasco ha precisato: “Quei proventi saranno totalmente devoluti a favore dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo per l’acquisto di attrezzature mediche”.

Nella battaglia contro il coronavirus arriva la generosa donazione della campionessa olimpica Federica Pellegrini che aprirà un’asta on line con i suoi cimeli ed il ricavato sarà devoluto all’ospedale di Bergamo. Lo ha annunciato la stessa nuotatrice veneta intervenendo alla trasmissione “Otto e mezzo” su La 7. “È ancora in fase embrionale, ci vorrà ancora qualche giorno ma anch’io, nel mio piccolo, ho voluto aiutare Bergamo che forse è il posto che più ha bisogno di aiuto”, ha detto la campionessa che aprirà un’asta online dei suoi “24 cimeli sportivi più importanti, più i vestiti usati durante ‘Italia’s got Talent’ e il devoluto andrà all’Ospedale di Bergamo. In settimana faremo le prove tecniche e la prossima settimana l’asta sarà operativa”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.