BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Avviso pubblico per l’avvio di interventi a favore dei coniugi separati o divorziati con figli

La Regione ha introdotto l’attivazione di interventi di mediazione familiare con una dotazione finanziaria complessiva pari a 6.900.000 euro assegnata alle ATS lombarde.

Regione Lombardia, nel confermare l’importanza della realizzazione di interventi di sostegno abitativo a favore di coniugi separati o divorziati, in particolare con figli minori, ha modificato i criteri per accedere alla misura ed ha introdotto l’attivazione di interventi di mediazione familiare con una dotazione finanziaria complessiva pari a 6.900.000 euro assegnata alle ATS lombarde.

Contestualmente all’implementazione degli interventi di sostegno abitativo a favore di genitori separati o divorziati, Regione Lombardia ha ritenuto importante garantire un supporto anche in termini di prestazioni di mediazione familiare finalizzate ad affrontare, in maniera adeguata, le eventuali situazioni di crisi derivanti dalla separazione.

La mediazione familiare è un processo collaborativo di soluzione del conflitto in cui la coppia con figli è supportata da un soggetto terzo imparziale che favorisca la comunicazione tra le parti al fine di identificare soluzioni accettabili per entrambi i genitori dopo la separazione per recuperare un dialogo positivo, in particolare nei riguardi dei figli.

Il contributo massimo assegnabile, a fondo perduto, per ogni intervento è pari a 300 euro a persona/coppia. Le prestazioni vengono erogate da operatori sia dei Consultori Familiari che dei Servizi Sociali dei Comuni/Ambiti e sono individuate mediante la definizione di un progetto personalizzato.

La domanda di attivazione è presentata dalle ASST o dai Comuni/Ambiti compilando l’Allegato B1, esclusivamente sulla piattaforma informativa Bandi on line all’indirizzo accessibile alle pagine web di Regione Lombardia http://www.bandi.servizirl.it a partire dalle h. 12.00 del 30/03/2020 e comunque non oltre giugno 2021 (gli interventi devono essere realizzati entro il 30/06/2021).

La procedura è di tipo valutativo a sportello ed è subordinata alla disponibilità del fondo assegnato all’ATS al momento della richiesta: le domande saranno valutate in ordine di presentazione a condizione di rispettare i requisiti di ammissibilità.

Gli Enti interessati possono presentare domanda per la richiesta dell’agevolazione esclusivamente on-line sulla piattaforma informativa Bandi on-line all’indirizzo accessibile alle pagine web di Regione Lombardia: http://www.bandi.servizirl.ita partire dalle ore h. 12.00 del 30 marzo 2020 fino ad esaurimento delle risorse e comunque non oltre il 30 giugno 2021.

Per ulteriori approfondimenti e per reperire gli allegati al decreto attuativo n.3167/2020, si rimanda alla pagina web di ATS Bergamo al link:

http://www.ats-bg.it/servizi/notizie/notizie_fase02.aspx?ID=17570&categoriaVisualizzata=19

e al sito istituzionale di Regione Lombardia http://www.regione.lombardia.it sezione Bandi

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.