Anche Martinengo piange il suo dottore: addio a Guido Riva - BergamoNews
Bassa

Anche Martinengo piange il suo dottore: addio a Guido Riva

Il sindaco Seghezzi: "Lo ricorderò sempre per la sua gentilezza e la sua dedizione alla professione"

Un elenco che si riempie di nomi giorno dopo giorno. Sono almeno 63 i medici caduti durante l’epidemia di Coronavirus in Italia, secondo la FNOMCeO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

L’ultimo in provincia di Bergamo è Guido Riva, classe 1941, storico medico di base a Martinengo. “Lo ricorderò sempre per la sua gentilezza e la sua dedizione alla professione” le parole del sindaco Mario Seghezzi.

LUNEDI’ NERO

Nella giornata di lunedì la triste notizia della scomparsa di Aurelio Maria Comelli, cardiologo e responsabile di un ambulatorio specialistico alla clinica Quarenghi di San Pellegrino, ma anche di Michele Lauriola, medico di base in città e coordinatore sanitario della Pallanuoto Bergamo. Il primo aveva 70 anni, il secondo 67.

leggi anche
  • L'anticipazione
    Coronavirus, il ministro Speranza: “Misure di contenimento estese fino a Pasqua”
    Infermieri
leggi anche
  • I dati dalla regione
    Coronavirus, rallenta il contagio nella Bergamasca: +137 positivi, erano 187 domenica
    tamponi
leggi anche
  • Squadre speciali ats
    Bergamo, in campo le unità Usca per curare a casa i malati di Coronavirus
    Usca Cononavirus
leggi anche
  • Coronavirus e lavoro
    Mascherine e ritmi di lavoro: botta e risposta su Casirate tra Cgil e Amazon
    L'inaugurazione del centro Amazon a Casirate
  • L'appello
    “La mia giovane nonna ricoverata con un linfoma: vi prego, cari medici, fate il miracolo”
    Ospedale Papa Giovanni medico dottore
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it