Quantcast
L'emergenza non ferma lo spaccio: 28enne fermo in auto con cocaina e 655 euro - BergamoNews
A calusco

L’emergenza non ferma lo spaccio: 28enne fermo in auto con cocaina e 655 euro

Per S. M. denuncia per la droga e sanzione di 533 euro perchè si trovava fuori di casa senza un valido e giustificato motivo

Dalla sua auto vendeva cocaina ai consumatori di Calusco d’Adda e dintorni. Nel pomeriggio di lunedì 30 marzo i carabinieri della locale stazione, con il supporto dei colleghi del sesto battaglione di Firenze (nell’Isola per i controlli dopo il decreto anti-Covid), hanno scovato e denunicato S. M., 28enne di origine marocchina, per spaccio di sostanze stupefacenti.

Il blitz dei militari è scattato dopo diversi avvistamenti di un’auto, una Seat Ibiza grigio scuro, che si aggirava in paese con manovre piuttosto sospette.

Intorno alle 16 l’intervento, in via Adda. S. M., con diversi precedenti per lo stesso reato, era seduto al posto di guida con lo schienale abbassato per non farsi notare troppo dai passanti.

Occultati all’interno della vettura i carabinieri hanno rivenuto sette involucri con all’interno 5 grammi e mezzo di cocaina pronta per essere venduta, 655 euro in contanti ritenuti proventi dello spaccio (solo di lunedì) e tre cellulari con i quali gestiva gli affari.

Su disposizione del magistrato di turno Maria Esposito, il 28enne se l’è cavata con una denuncia a piede libero per lo spaccio ma pure con una sanzione amministrativa di 533 euro perchè si trovava fuori di casa senza un valido e giustificato motivo.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it