Coronavirus, rallenta il contagio nella Bergamasca: +137 positivi, erano 187 domenica - BergamoNews
I dati dalla regione

Coronavirus, rallenta il contagio nella Bergamasca: +137 positivi, erano 187 domenica

Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti: i casi positivi sono: 42.161 (+1.154). Ieri erano 41.007 (+1592) l'altro ieri: 39.415 (+2.117)

Rallenta il numero dei contagi in provincia di Bergamo: sono 8.664 in totale, 137 nella giornata di lunedì 30 marzo contro i 187 del giorno precedenti.

I dati, fortunatamente, confermano quello che abbiamo visto domenica e cioè che, in quasi tutta la Regione, c’è una riduzione dei contagi e degli accessi significativa nei pronto soccorso”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera,.

Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

– i casi positivi sono: 42.161 (+1.154)
Ieri: 41.007 (+1592) l’altro ieri: 39.415 (+2.117);

– i deceduti: 6.818 (+458)
Ieri: 6.360 (+416) l’altro ieri: 5.944 (+542);

– i dimessi e in isolamento domiciliare 22.198, di cui 10.337 con almeno un passaggio in ospedale e quindi in isolamento domiciliare e 11.861 per cui non si rileva alcun passaggio in ospedale

– in terapia intensiva: 1.330 (+2)
Ieri: 1.328 (+9) l’altro ieri: 1.319 (+27)

– i ricoverati non in terapia intensiva: 11.815 (+202)
Ieri: 11.613 (+461) l’altro ieri: 11.152 (+15)

– i tamponi effettuati: 111.057
ieri: 107.398 l’altro ieri: 102.503

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

BERGAMO: 8.664 (+137)
ieri: 8.527 (+178) l’altro ieri: 8.349 (+289)
e nei giorni precedenti: 8.060 (+602), 7.458 (+386), 7.072 (+344), 6.471, (+255), 6.216 (+347), 5.869 (+715), 5.154 (+509), 4.645(+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136, 1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537

FONTANA: NOSTRI ESPERTI VALUTERANNO PIU’ DI CENTO NUOVE TIPOLOGIE DI TEST

Una task force di esperti della Lombardia ha avviato una valutazione scientifica su più di 100 diverse tipologie di test commerciali per la determinazione degli anticorpi che si sviluppano a seguito dell’infezione da coronavirus, al fine di estendere le possibilità di screening su ampi strati della popolazione”.

Lo riferiscono il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e l’assessore al Welfare Giulio Gallera.

“Si tratta di un primo passo – aggiungono Fontana e Gallera – volto all’identificazione delle proposte diagnostiche che diano le migliori garanzie di specificità, sensibilità, semplicità d’uso ed alta velocità e capacità di essere processati. La Lombardia metterà a disposizione i risultati di questa analisi in ambito nazionale ed internazionale”.

Dal momento che la diagnosi sierologica di COVID è ostica e non c’è ancora la certezza delle performance dei diversi test, gli esperti dei laboratori lombardi hanno pensato di avviare un percorso che si delinea attraverso una road map specifica:

• Il Cesimento delle piattaforme analitiche/expertise nell’ambito del gruppo

• Il Censimento dei materiali (sieri, plasmi) disponibili da parte di ciascun centro

• La Costituzione di gruppi di 3-4 laboratori che si incarichino di validare le performance di test diversi;

• L’Utilizzo di uno schema unico per la validazione dei saggi da parte di ciascun gruppo operativo;

• La Condivisione dei dati e delle strategie diagnostiche proponibili, prima del rilascio dei dati stessi verso l’esterno.

Gli esperti, per questa ricerca, potranno disporre e andranno ad approfondire le analisi sul siero di pazienti ricoverati, dimessi e tolti dalla quarantena perché negativi, oltre a quelli risalenti agli anni precedenti, durante i quali l’infezione ancora non era in circolo.

“La ricerca scientifica procederà di pari passo all’immane sforzo che stiamo compiendo per l’assistenza ospedaliera e domiciliare – concludono Fontana e Gallera – al fine di poter disporre di strumenti diagnostici ad ampio raggio e per rilasciare alla comunità internazionale il maggior numero possibile di informazioni, per il presente e per il futuro, utili a debellare questo nemico invisibile”.

leggi anche
  • Squadre speciali ats
    Bergamo, in campo le unità Usca per curare a casa i malati di Coronavirus
    Usca Cononavirus
  • L'iniziativa
    Bergamo, fino al 30 aprile taxi scontati per gli operatori sanitari
    radio taxi bergamo
  • L'iniziativa
    Emergenza Coronavirus: le cooperative fanno squadra per garantire i servizi essenziali
    confcooperative
  • Stefano scaglia
    Confindustria, il presidente agli associati: “Mantenete gli impegni presi nei pagamenti”
    stefano Scaglia
  • L'anticipazione
    Coronavirus, il ministro Speranza: “Misure di contenimento estese fino a Pasqua”
    Infermieri
  • Aeroporto
    Coronavirus, delegazione di medici polacchi atterra a Orio: opererà a Brescia
    Generico marzo 2020
  • I fondi dal governo
    Fondi ai Comuni, Misiani: “Aiuti extra per famiglie”, Gallone: “Solo briciole”
    Generico marzo 2020
  • Troppi decessi
    Coronavirus, i sindacati incontrano Prefetto e Ats: “È allarme nelle case di riposo”
    anziani
  • Regione lombardia
    Coronavirus, Malanchini: “Bando da 7,5 milioni di euro per finanziare terapie”
    Generico marzo 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it