Quantcast
Coronavirus, delegazione di medici polacchi atterra a Orio: opererà a Brescia - BergamoNews
Aeroporto

Coronavirus, delegazione di medici polacchi atterra a Orio: opererà a Brescia

Il gruppo di medici polacchi si è trasferito a Brescia per operare nella struttura degli Spedali Civili a supporto dell’emergenza coronavirus.

Un gruppo di 15 medici polacchi, partito da Varsavia con un aereo militale CN295, è atterrato alle 15.15 di lunedì 30 marzo, all’aeroporto di Bergamo, accolto da una delegazione della Regione Lombardia, di cui hanno fatto parte gli assessori regionali Lara Magoni e Fabio Rizzi, il Sottosegretario ai Rapporti con le Delegazioni internazionali di Regione Lombardia, Christian Rizzi, e la consigliera regionale Simona Tironi.

Il gruppo di medici polacchi si è trasferito a Brescia per operare nella struttura degli Spedali Civili a supporto dell’emergenza coronavirus.

L’arrivo e il trasferimento dei medici sono stati coordinati da Regione Lombardia e Protezione Civile, in collaborazione con le autorità diplomatiche della Polonia.

Le operazioni di assistenza aeroportuali sono state garantite dal personale di Sacbo e Bis (Bgy International Services).

leggi anche
Infermieri
L'anticipazione
Coronavirus, il ministro Speranza: “Misure di contenimento estese fino a Pasqua”
Buono Spesa
A bergamo
Buoni spesa, da martedì si potranno richiedere: ecco i due numeri di telefono dedicati
tamponi
I dati dalla regione
Coronavirus, rallenta il contagio nella Bergamasca: +137 positivi, erano 187 domenica
Usca Cononavirus
Squadre speciali ats
Bergamo, in campo le unità Usca per curare a casa i malati di Coronavirus
radio taxi bergamo
L'iniziativa
Bergamo, fino al 30 aprile taxi scontati per gli operatori sanitari
confcooperative
L'iniziativa
Emergenza Coronavirus: le cooperative fanno squadra per garantire i servizi essenziali
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it