Quantcast
Confindustria, il presidente agli associati: “Mantenete gli impegni presi nei pagamenti" - BergamoNews
Stefano scaglia

Confindustria, il presidente agli associati: “Mantenete gli impegni presi nei pagamenti”

“Adesso è il momento della responsabilità sociale. Siamo stati la zona più colpita e viviamo uno dei momenti più dolorosi, possiamo e vogliamo essere il centro e i promotori della nuova rinascita”.

Il presidente di Confindustria Bergamo Stefano Scaglia ha scritto una lettera a tutti gli associati, lanciando un appello affinché siano manutenuti gli impegni presi nei pagamenti, salvo gravi e comprovate difficoltà, garantendo così continuità a tutto il sistema.

“La gravissima situazione sanitaria che ha colpito l’Italia, e in particolare Bergamo e la sua provincia – sottolinea il presidente – sta oggi giustamente impegnando in modo prioritario le energie di tutti noi. Restando, come abbiamo fatto finora, uniti, coesi e soprattutto lontani da ogni tipo di polemica potremo affrontare con successo questo momento così impegnativo. Pur continuando a intervenire per alleviare l’emergenza sanitaria ancora in corso dobbiamo prepararci per la sfida altrettanto grande e complessa della sostenibilità delle nostre imprese e della ripresa economica, che sarà lunga e difficile, ma indispensabile al fine della sopravvivenza della nostra comunità”.

“Lo Stato – rileva il presidente Scaglia – dovrà fare la sua parte; con Confindustria stiamo operando con il sistema bancario e stiamo proponendo leggi e correttivi per snellire la burocrazia e favorire un migliore accesso al credito. Noi imprenditori che siamo sempre stati uno dei motori dello sviluppo, anche in questo momento saremo ‘protagonisti responsabili del futuro’. Ciascuno di noi è responsabile adesso del suo futuro e del futuro della collettività. Conosciamo bene il valore della filiera e del sistema. Ogni impresa, indipendentemente dalla sua dimensione, categoria o settore merceologico, è funzionale alla sopravvivenza del nostro tessuto produttivo. Mantenere gli impegni presi nei pagamenti salvo gravi e comprovate difficoltà è la decisione che garantisce continuità a tutto il nostro sistema. Adesso è il momento della responsabilità sociale. Siamo stati la zona più colpita e viviamo uno dei momenti più dolorosi, possiamo e vogliamo essere il centro e i promotori della nuova rinascita”.

In aggiunta Stefano Scaglia ha comunicato che, per favorire la disponibilità di liquidità per le imprese, la Presidenza ha deciso che la scadenza della prima rata dei contributi associativi prevista per il 31 marzo 2020 è sospesa e rinviata al 31 luglio 2020, insieme alla seconda rata.

“Il momento che stiamo vivendo – ha concluso – ci impone di agire con sollecitudine: attivarci come volano di un sistema virtuoso che favorisca l’integrazione armoniosa di tutte le componenti della filiera economica, le possa proteggere e, nei limiti del possibile, le possa anche aiutare. Ci vorrà uno sforzo enorme. Ce la faremo se agiremo con unità di intenti e spirito di comunità”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Medici
I lutti
Bergamo piange altri due medici, addio ad Aurelio Comelli e Michele Lauriola
attilio fontana coronavirus
Punto stampa
Fontana: “Stiamo proseguendo sulla buona strada”
bollette 28 giorni
Adiconsum
Bollette, documenti, auto: vademecum sul decreto “Cura Italia”
buono spesa
L'ordinanza
Comune per Comune: i buoni spesa a Bergamo e in provincia
tamponi
I dati dalla regione
Coronavirus, rallenta il contagio nella Bergamasca: +137 positivi, erano 187 domenica
industria
L'appello
Coronavirus, Confindustria del Nord: “Salute primo obiettivo, ma ora fate ripartire le attività”
Generico maggio 2020
L'accordo
“Finanza Subito”, Confindustria e banche del territorio insieme per la Fase 2
Rea Dalmine
Osservatorio confindustria
Un’industria bergamasca su 4 prevede un calo del fatturato dal 25 al 50%
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI