Revocata l’interruzione delle attività delle pompe funebri grazie alla mediazione di Ats - BergamoNews
Bergamo

Revocata l’interruzione delle attività delle pompe funebri grazie alla mediazione di Ats

Dall’Agenzia di Tutela della Salute lunedi risposte alle richieste della categoria

Si è ricomposta nella tarda serata di domenica – e ha portato alla revoca dell’interruzione delle attività della categoria prevista per domani – la vertenza degli operatori delle pompe funebri che fanno riferimento alla Lia (Liberi Imprenditori Associati) di Bergamo che chiedevano maggiore sicurezza nel loro operato.

“Abbiamo ricevuto le richieste della Lia per conto degli operatori delle onoranze funebri in relazione alle procedure da mettere in atto per il trattamento delle salme in connessione al Covid-19 – commenta Massimo Giupponi, direttore generale dell’agenzia di Tutela della Salute di Bergamo – Reputiamo nel complesso le proposte avanzate dalla categoria ragionevoli e recepibili. Confermo l’impegno di ATS a dare riscontri e risposte ai suggerimenti indicati nel documento che mi è stato trasmesso, già a partire dalla giornata di domani. Con l’occasione voglio ringraziare le onoranze funebri per l’importante e delicato compito che stanno svolgendo, in un momento di emergenza e con un impegno crescente per via della numerosità dei decessi, senza dimenticare le connesse e pesanti implicazioni dal punto di vista psicologico che una situazione del genere comporta. L’Agenzia di Tutela della Salute riserverà massima attenzione e rapidità di azione rispetto alle loro istanze”.

“Siamo orgogliosi dell’iniziativa presa dalla nostra Categoria Onoranze Funebri non solo a tutela degli operatori, ma anche dell’intera collettività. Siamo sollevati per le risposte e la collaborazione dell’Agenzia di Tutela della Salute. Il nostro obiettivo era quello di ottenere misure che tutelassero i cittadini, e abbiamo ottenuto risposte immediate. Già da domani (lunedì) potremo contare su misure che ci permetteranno di continuare a lavorare senza interrompere il servizio. Il riconoscimento di questo sforzo ci motiva a continuare a rappresentare nel migliore dei modi i valori etici di umanità, rispetto e professionalità che caratterizzano le nostre imprese. Ringrazio ATS e il Direttore Generale Massimo Giupponi, per la disponibilità dimostrata oltre che Antonio Ricciardi, presidente della Categoria Onoranze Funebri, per il brillante operato”, così Marco Amigoni, Presidente LIA.

leggi anche
  • I dati
    Coronavirus, calano ancora i contagiati a Bergamo: domenica 178 i nuovi casi
    grafico domenica covid
  • Bergamo
    Arrivati i serbatoi per l’impianto dell’ossigeno dell’ospedale da campo
    serbatoi ossigeno coronavirus ospedale da campo letto
  • L'ordine
    Dati sottostimati, così i medici di Bergamo avviano indagine su pazienti sintomatici
    Medico di base
  • Lettera alla regione
    Il grido d’aiuto delle Rsa bergamasche: “600 morti in 20 giorni”
    anziano
  • Dopo l'allarme
    Il Comune di Bergamo a fianco delle onoranze funebri: “Non interrompete il servizio”
    Coronavirus Covid cimitero pompe funebri
  • Bergamo
    Coronavirus, le onoranze funebri della Lia: “Nessuno ci ascolta, ci fermiamo”
    Coronavirus Covid cimitero pompe funebri
  • L'allarme
    Onoranze Funebri allo stremo: “Vittime sacrificali, pronti a sospendere l’attività”
    funerale
  • La solidarietà
    Dal Brasile all’Albania: “Forza Bergamo, non mollare: siamo con te”
    Bergamo non mollare
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it