L'esercito torna a Ponte San Pietro: 34 salme dirette a Gemona del Friuli - BergamoNews
Sabato mattina

L’esercito torna a Ponte San Pietro: 34 salme dirette a Gemona del Friuli fotogallery

Una nuova, triste, sfilata nella mattinata di sabato 28 marzo: altri mezzi militari sono arrivati al capannone di via Papa Giovanni per caricare le salme da far cremare.

Una nuova sfilata, triste, nel silenzio: i mezzi militari dell’esercito sono tornati a Ponte San Pietro nella mattinata di sabato 28 marzo.

Ci sono altre salme da portare fuori città, fuori provincia, per essere cremate prima di far ritorno dai propri cari: è un rituale macabro, al quale purtroppo Bergamo inizia a farci, suo malgrado, l’abitudine.

Solo quattro giorni fa altri camion avevano caricato a bordo 33 bare, dirette al forno crematorio di Borgo Panigale, Bologna.

Sabato la scena si è ripetuta, con cinque mezzi arrivati al capannone di via Papa Giovanni, nel quartiere Villaggio: sul posto anche i carabinieri.

Sono 34 le bare che verranno portare nel forno crematorio di Gemona del Friuli, in provincia di Udine.

leggi anche
  • Guarda il video
    Dopo Bergamo, torna l’Esercito e porta via 33 salme da Ponte San Pietro
    Esercito Ponte San Pietro
leggi anche
  • L'intervento
    Carnevali a Verdelli: “Non chiusure, ma solidarietà tra Regioni”
    Ospedale Papa Giovanni medico dottore
  • La proposta
    Ribolla: “Riconoscere le ore di straordinario alle Forze Armate”
    Esercito bergamo controlli Coronavirus nostra
  • Dopo l'allarme
    Il Comune di Bergamo a fianco delle onoranze funebri: “Non interrompete il servizio”
    Coronavirus Covid cimitero pompe funebri
  • L'annuncio
    Conte, un nuovo decreto: fondi ai Comuni per chi non ha soldi per la spesa
    giuseppe conte
  • Bergamo
    Coronavirus, Palazzo Frizzoni apre due linee telefoniche per i parenti delle vittime
    servizi cimiteriali
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it