Quantcast
Il Covid-19 si è portato via l’ex questore vicario di Bergamo Tommaso Conti - BergamoNews
Lutto in polizia

Il Covid-19 si è portato via l’ex questore vicario di Bergamo Tommaso Conti

Lascia la compagna di una vita e tre figli a cui vanno le condoglianze del Questore, Maurizio Auriemma, dei colleghi e di tutto il personale.

Nel pomeriggio di sabato 28 marzo, dopo sole 24 ore dal ricovero per i tipici sintomi del Covid19, è mancato Tommaso Conti, già Vicario della Questura di Bergamo.

Nato nel 1947 a Pico (FR), si era laureato in Giurisprudenza ed aveva intrapreso la carriera di Avvocato per alcuni anni.

Superato brillantemente il concorso per Vice Commissario, ha frequentato il corso all’Istituto Superiore di Polizia, per poi essere assegnato a Milano e successivamente alla Questura di Terni e poi a Bergamo dal 1988.

Qui aveva diretto la Sezione Volanti e la Divisione Polizia Amministrativa fino a diventare Capo di Gabinetto ed infine Vicario del Questore.

Dal 2007 era in pensione ed aveva mantenuto la propria residenza nella Provincia di Bergamo.

Profondo sgomento ha lasciato la notizia della scomparsa tra tutti i colleghi che negli anni hanno avuto modo di apprezzarlo per le doti professionali ed umane, ricordandolo come grande esperto di diritto e profondo conoscitore del personale con cui collaborava.

Lascia la compagna di una vita e tre figli a cui vanno le condoglianze del Questore, Maurizio Auriemma, dei colleghi e di tutto il personale.

leggi anche
gelmini coronavirus carabiniere
Sovere
Addio al maresciallo Fabrizio Gelmini, un’altra vittima dell’Arma
accessi ps coronavirus
Le ultime
Coronavirus, Bergamo tocca quota 8.349 positivi: ma la crescita rallenta
abbraccio bergamo coronavirus quadro adelio rossi
Solidarietà & arte
L’abbraccio a chi dona agli ospedali di Bergamo: già raccolti 10mila euro
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it