Coronavirus, le onoranze funebri della Lia: "Nessuno ci ascolta, ci fermiamo" - BergamoNews
Bergamo

Coronavirus, le onoranze funebri della Lia: “Nessuno ci ascolta, ci fermiamo”

"La sicurezza dei cittadini è la priorità, anche a costo della sopravvivenza delle nostre aziende"

“La sicurezza dei cittadini è la priorità, anche a costo della sopravvivenza delle nostre aziende. Per le Imprese di Onoranze Funebri della provincia di Bergamo è arrivato il momento di fermarsi e tutelare così la vita e la salute dei cittadini”. È quanto si legge in una nota di Lia Bergamo (Liberi Imprenditori Associati).

“Nonostante gli appelli (inascoltati) dei giorni scorsi – si legge – l’assenza di un monitoraggio sanitario sugli operatori da parte delle autorità, e la difficoltà nell’approvvigionamento di dispositivi di protezione, continuano ad esporre la collettività, soprattutto anziani, malati e disabili, ad un enorme rischio di contagio. Nelle condizioni attuali, chi entra ed esce quotidianamente dalle strutture sanitarie e dalle abitazioni dei parenti dei defunti, diventa infatti non solo una facile preda, ma anche un veicolo perfetto per la diffusione del virus Covid-19.

A costo di mettere a rischio il futuro delle loro stesse aziende, gli Imprenditori della categoria seguiranno la propria coscienza, interrompendo le attività nel giorno di lunedì 30 marzo. Le uniche soluzioni affinché il servizio possa continuare nel rispetto della sicurezza dei cittadini restano il monitoraggio degli operatori tramite tamponi periodici, così come dovrebbe essere per tutti gli operatori sanitari, e un canale di fornitura prioritario (a pagamento) di dispositivi di protezione individuale. È ora che siano le coscienze individuali ad entrare in gioco”.

Antonio Ricciardi, Presidente Categoria Onoranze Funebri Lia Bergamo, fa sapere che “dopo aver più volte lanciato l’allarme, siamo chiamati a fare l’unica scelta responsabile per il bene della collettività. Abbiamo dato tutto quello che potevamo sul campo, ogni giorno e ogni notte, perdendo anche amici e colleghi. Vorremmo fortemente continuare con lo stesso impegno, ma in assenza di un intervento delle istituzioni, per noi la priorità è difendere la cittadinanza, della quale anche noi facciamo parte”. E ancora: “Chi oggi fa annunci sul garantire il servizio senza protezioni o controlli è un irresponsabile, o non ha ben chiaro a quali pericoli sta esponendo tutta la collettività. Non si tratta di garantire o non garantire un servizio – conclude -. Si tratta di non contribuire alla diffusione di un virus che sta uccidendo centinaia di persone”.

leggi anche
  • L'emergenza sanitaria
    Coronavirus, Gallera: “In Bergamasca 8.060 positivi, 602 in più”
    Gallera e Caparini
leggi anche
  • Fotonotizia
    Controlli dell’esercito in centro a Bergamo
    Esercito bergamo controlli Coronavirus nostra
leggi anche
  • Venerdì mattina
    Squadre speciali russe ad Alzano: “Sanificano la casa di riposo”
    russi alzano coronavirus
leggi anche
  • Il lutto
    Martedì 31 marzo bandiere a mezz’asta e tutti i sindaci col tricolore davanti ai municipi
    Omicidio di Curno, bandiere a mezz'asta
  • La proposta
    Ribolla: “Riconoscere le ore di straordinario alle Forze Armate”
    Esercito bergamo controlli Coronavirus nostra
  • Dopo l'allarme
    Il Comune di Bergamo a fianco delle onoranze funebri: “Non interrompete il servizio”
    Coronavirus Covid cimitero pompe funebri
  • Bergamo
    Revocata l’interruzione delle attività delle pompe funebri grazie alla mediazione di Ats
    Coronavirus Covid cimitero pompe funebri
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it