BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coronavirus: la Mei di Ponte San Pietro dona 500mila euro alle strutture sanitarie di Bergamo

L'azienda di Ponte San Pietro, leader mondiale nella produzione di macchine per il taglio di lenti oftalmiche e da sole, ha donato 150mila euro all'ospedale Papa Giovanni XXIII e all'ATS di Bergamo, e 200mila euro all'istituto Mario Negri per sostenerne la ricerca

Per far fronte all’emergenza Coronavirus MEI srl, azienda di Ponte San Pietro leader mondiale nella produzione di macchine per il taglio di lenti oftalmiche e da sole, ha voluto esprimere la propria solidarietà contribuendo alle iniziative di raccolta fondi avviate sul territorio da parte dell’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo e dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII.

MEI srl, con il supporto della propria Fondazione MEI Onlus, ha stanziato 150mila euro a favore dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo ed altri 150 mila euro a favore dell’ATS di Bergamo. Oltre a stanziare fondi a favore delle realtà sociosanitarie locali, l’azienda di Ponte San Pietro ha ritenuto opportuno sostenere la ricerca, convinti che la strada intrapresa dall’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri possa aiutare a fronteggiare l’emergenza Coronavirus con i farmaci a disposizione. Mei ha pertanto deciso di sostenere l’Istituto guidato dal Professor Remuzzi con un contributo di 200mila euro.

“Con queste donazioni abbiamo voluto dare un sostegno concreto alle nostre comunità e comunicare la nostra gratitudine a tutti gli operatori sanitari e ai ricercatori impegnati in questa emergenza. La situazione è drammatica, le necessità sono molte, da quelle logistiche a quelle strumentali -spiega Stefano Sonzogni, presidente della MEI-. Certi che Bergamo vincerà anche questa battaglia ci auguriamo che la situazione torni presto alla normalità”.

Fondazione MEI Onlus, braccio operativo delle azioni di solidarietà di MEI srl, è attiva da diversi anni in progetti di solidarietà legati prevalentemente alla cura di disturbi della vista, soprattutto in ambito pediatrico, in diverse aree del mondo.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.