Quantcast
Boltiere, il ringraziamento di tutta la popolazione ai volontari - BergamoNews
Coronavirus

Boltiere, il ringraziamento di tutta la popolazione ai volontari

Amministrazione Comunale e popolazione ringraziano tutti i volontari coinvolti in questa emergenza

L’emergenza sanitaria in corso nell’ultimo mese non ha risparmiato il suo diffondersi anche in questa settimana. In particolar modo Boltiere ha sofferto il lutto di due medici operanti nel paese da tantissimi anni. Prima il dottor Mario Ronchi, presente in paese con il suo studio dentistico, e poi il dottor Carlo Alberto Passera, medico di base amatissimo in paese.

L’amministrazione comunale nelle sue pagine ufficiali ha espresso il proprio cordoglio e quello di tutta la cittadinanza per la scomparsa dei due medici, oltre che di tutte le persone che sono mancate in questi giorni colpite dal diffondersi del “Coronavirus”. Amministrazione e sindaco sono in costante contatto con Prefettura, ATS, Ambito di Dalmine e Protezione Civile, con la quale abbiamo da tempo composto il COC (Centro Operativo Comunale) comprendendo i volontari iscritti come Protezione Civile necessario per gli interventi urgenti.

Continua per la popolazione boltierese, che ne necessita, il servizio offerto dai giovani di Boltiere in Progress, i quali coordinati dall’Associazione San Martino, stanno garantendo la consegna dei pasti agli anziani, la consegna dei farmaci e della spesa a domicilio. Quest’ultima garantita anche da molti dei singoli negozi del paese che hanno implementato proprio il servizio di consegna domiciliare con il propagare dell’emergenza. Il sindaco Osvaldo Palazzini e l’amministrazione ringraziano infinitamente queste ragazzi e tutti i volontari coinvolti in questo momento. Come la Croce Bianca di Boltiere, tutti i medici, paramedici che stanno offrendo un servizio fondamentale oltre che capillare su tutto il territorio comunale. I Carabinieri della tenenza di Zingonia, la Polizia Locale operativi per garantire sicurezza anche in questo periodo di estremo e difficile controllo. Il personale comunale, che anche se ad organico ridotto mantiene attivi i servizi essenziali per i cittadini. Tutto il personale della protezione civile dell’area di Dalmine, compreso l’Ambito di Dalmine e l’ATS territoriale per il coordinamento dell’emergenza sanitaria. Ed, infine, il parroco don Giuseppe, il quale riunisce tutta la popolazione con la benedizione dal campanile della domenica mattina.

Il sindaco rivolge “un particolare ringraziamento a voi, a tutte le famiglie, giovani ed anziani ammirevoli per l’esteso segno di collaborazione determinante ed unico per uscirne da questo momento tremendo. Siamo fiduciosi che passata l’emergenza il paese di Boltiere possa ritrovarsi più unito di prima, e possa finalmente tornare alla vita di tutti i giorni”.

Boltiere coronavirus

Pubblicazione effettuata con il contributo del Comune di Boltiere

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Bergamo a domicilio
Da un gruppo di giovani
Nasce “Bergamo a domicilio”, piattaforma per comprare e avere la spesa sotto casa
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI