Quantcast
Torna l'ora legale: tra sabato e domenica lancette avanti - BergamoNews
Conto alla rovescia

Torna l’ora legale: tra sabato e domenica lancette avanti

Con uno stato d'animo molto diverso rispetto al solito, quando questo passaggio ci parlava di un inizio dell'estate, è partito il conto alla rovescia sul cambio dell'ora.

Certo con uno stato d’animo molto diverso rispetto al solito, quando questo passaggio ci parlava di un inizio dell’estate, è partito il conto alla rovescia sul cambio dell’ora.

Nella notte tra sabato 28 e domenica 29 marzo, infatti, dalle ore 2 alle 3, le lancette degli orologi verranno spostate in avanti di un’ora. Torna l’ora legale, che avevamo salutato lo scorso ottobre, quando era entrata in vigore l’ora solare, e che sancisce ufficialmente l’inizio della stagione primaverile nell’intera Europa.

Si dormirà un’ora di meno quel giorno e ad alcune persone servirà un po’ di tempo per abituarsi a quello che è una sorta di jet lag. Tuttavia, il “sacrificio” di aver dormito un’ora in meno nel fine settimana dovrebbe essere compensato col fatto che farà buio un’ora più tardi la sera, lasciandoci dunque più ore di luce per svolgere le attività quotidiane.
Tra gli altri benefici dell’ora legale anche il risparmio energetico visto che ci sarà minore bisogno dell’illuminazione elettrica con conseguente risparmiare sull’energia. In termini economici si parla di 900 milioni di euro di guadagno.

L’ora legale si protrarrà fino a domenica 25 ottobre 2020, quando tornerà l’ora solare.

 

Più informazioni
leggi anche
neve
Mercoledì alle 13
Neve di primavera: primi fiocchi a Clusone
L'Esercito a Seriate
L'emergenza
Dopo Bergamo e Ponte San Pietro l’Esercito porta via le salme da Seriate
Fabio Toffetti
Bassa
Morengo, scomparso da martedì sera: si cerca Fabio anche con i droni
BergamoXBergamo
Emergenza covid
BergamoXBergamo: 30 squadre di volontari per aiutare tutta la città
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it