Cura Italia, Ribolla (Lega): "Stop commissioni sul prelievo bancomat" - BergamoNews
La proposta

Cura Italia, Ribolla (Lega): “Stop commissioni sul prelievo bancomat”

Ribolla: "Chi preleva in banca con la carta Postamat è costretto a pagare commissioni anche salate mentre i nostri anziani sono costretti a ritirare la pensione esclusivamente negli uffici postali"

“È necessario che il governo intervenga e accolga la proposta della Lega di azzerare i costi di commissioni per il prelievo bancomat. Ad oggi nel decreto “Cura Italia”, infatti, non vi è traccia dell’eliminazione delle commissioni con grave danno per gli italiani, soprattutto per gli anziani ed i pensionati – afferma il deputato e consigliere comunale bergamasco della Lega Alberto Ribolla -. Il problema sussiste soprattutto per gli abitanti dei comuni più piccoli dove è presente l’ufficio postale ma non il Postamat dal quale prelevare. Di conseguenza chi preleva in banca con la carta Postamat è costretto a pagare commissioni anche salate mentre i nostri anziani sono costretti a ritirare la pensione esclusivamente negli uffici postali con il rischio di creare lunghe code o pericolosi affollamenti dei locali. Auspichiamo, quindi, che il governo accolga la nostra proposta che vuole essere semplicemente una richiesta di buonsenso per sostenere gli italiani”. 

leggi anche
  • Lo stilista
    Giorgio Armani ora produce camici per la sanità e dona 300mila euro alla Gavazzeni
    Giorgio Armani
  • L'iniziativa
    Dalla Gavazzeni 100 pasti al giorno per i volontari dell’ospedale da campo
    mensa gavazzeni
  • Jac
    L’emergenza Coronavirus non ferma la didattica alla JobsAcademy
    JobsAcademy
  • In uscita
    “Rinascerò, rinascerai”, la nuova canzone di Robi Facchinetti per aiutare il Papa Giovanni
    Facchinetti e Fogli al Creberg
  • Lega nord
    Tari, Ribolla: “Palazzo Frizzoni contenga le spese di spedizione”
    Generico luglio 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it