Nel connecticut

“Andrà tutto bene”: il compito dei bimbi americani diventa un sostegno all’Italia

Succede a Southington, nel Connecticut, dove un'insegnante di arte ha chiesto ai propri studenti di realizzare messaggi di speranza come quelli dei coetanei italiani.

Dopo l’Iran, anche gli Stati Uniti si sono fatti contagiare dai messaggi di speranza dei bambini italiani.

L’ormai celebre “Andrà tutto bene”, slogan che ha unito tutta Italia e colorato i balconi, era già sbarcato sulla tv nazionale iraniana: una famiglia emigrata in Bergamasca aveva inviato la propria testimonianza, diventata in pochissimo tempo uno spot per invitare gli iraniani a restare nelle proprie case.

leggi anche
Cartello Iran
Il messaggio
“Andrà tutto bene”: tv iraniana invita a stare a casa coi cartelli dei bimbi di Bergamo

Ora quegli stessi disegni sono arrivati anche negli Stati Uniti, dove nelle ultime settimane i numeri dei contagi da Coronavirus sono cresciuti esponenzialmente.

A Southington, Comune di oltre 42mila abitanti del Connecticut, Courtney Bryant Drechsler, un’insegnante di arte in una scuola cattolica locale, ha chiesto ai propri studenti un compito particolare.

Ai ragazzi, impegnati nella didattica a distanza, ha infatti chiesto di realizzare dei cartelloni dello stesso tenore di quelli dei coetanei italiani.

Così gli studenti, facendosi ispirare, hanno deciso di manifestare la propria vicinanza all’Italia: nei loro disegni tantissimi arcobaleni e, soprattutto, le scritte in italiano affiancate a quelle in inglese.

arcobaleni usa
arcobaleni usa
Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
Alessio Boni
L'iniziativa
A casa per l’emergenza Coronavirus: Alessio Boni legge poesie online
L'arrivo dei medici russi a Bergamo
Nella notte
Coronavirus, arrivati a Bergamo 35 medici russi per l’ospedale da campo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI