Coronavirus, Adriano Coretti dal ministero rientra in aiuto a Bergamo - BergamoNews
Da roma

Coronavirus, Adriano Coretti dal ministero rientra in aiuto a Bergamo

Nel contesto di un'azione mirata a rafforzare le prefetture dei territori più colpiti dall'emergenza, da lunedì 23 marzo e fino a Pasqua, la Prefettura di Bergamo si avvarrà anche della figura del dottor Adriano Coretti, già viceprefetto in città.

Venti mesi fa la promozione al Ministero dell’Interno a Roma, ora vista l’emergenza Coronavirus per supportare il lavoro della Prefettura di Bergamo torna Adriano Coretti che nella sede orobica aveva già rivestito in 22 anni di attività i ruoli di viceprefetto, Capo di Gabinetto e dirigente dell’Area Enti Locali e consultazioni elettorali.

“D’intesa col Ministero dell’interno, nel contesto di un’azione mirata a rafforzare le prefetture dei territori più colpiti dall’emergenza, da lunedì 23 marzo e fino a Pasqua, poi si valuterà un’eventuale prosecuzione, sono stato assegnato alla “mia” prefettura per seguire i vari adempimenti connessi alla gestione emergenziale – dichiara Coretti -. Era il minimo che potessi fare per Bergamo”.

Coretti, nato a Matera nel 1967 e laureato in Giurisprudenza, aveva assunto un importante incarico a Roma, al Ministero dell’Interno, negli uffici di diretta collaborazione del Capo del Dipartimento per le politiche del personale.

leggi anche
  • L'emergenza
    La Germania accoglie pazienti Covid, in volo da Bergamo a Lipsia
    Aeroporto di Orio al Serio
  • Emergenza coronavirus
    Dai medici dell’ospedale di Bergamo struggente grido d’allarme e duro atto di accusa
    Lo striscione per i medici e gli infermieri fuori dall'ospedale Papa Giovanni
  • La riflessione
    La mia Bergamo stremata e tramortita: coraggio, risorgerai
    Infermieri
  • L'assessore al bilancio
    Coronavirus, Caparini: “Tasse regionali sospese fino al 31 maggio”
    irap
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it