I sindacati criticano: "Aperte attività che non hanno nulla di essenziale o strategico" - BergamoNews
Dopo il decreto

I sindacati criticano: “Aperte attività che non hanno nulla di essenziale o strategico”

Un documento unitario di Cgil, Cisl e Uil regionali: "Fondamentali iniziative affinchè vi sia la chiusura di tutto ciò che non è essenziale in questa fase di emergenza".

“Di fronte all’emergenza non tutto è essenziale: il valore della vita e della salute non ha prezzo e non può essere barattato con nessuna ragione economica”: il decreto firmato nella serata di domenica 23 marzo dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte non soddisfa i sindacati che, uniti, hanno preso una posizione netta.

Le ragioni sono illustrate in un documento sottoscritto dai rispettivi segretari regionali, Elena Lattuada (Cgil), Ugo Duci (Cisl) e Danilo Margaritella (Uil), che hanno richiamato le Rsu e le strutture territoriali a iniziative per la chiusura delle attività aziendali non essenziali.

“A differenza di quanto annunciato dal Governo alle parti sociali e al Paese – scrivono Cgil, Cisl e Uil – il
provvedimento assunto domenica sera (in ragione delle forti pressioni esercitate dalle associazioni d’impresa, a partire da Confindustria, che anziché privilegiare la vita e la salute delle persone, hanno scelto ancora una volta il profitto e l’economia) inserisce tra le attività d’impresa da considerarsi essenziali una serie di attività di vario genere che di essenziale, strategico e necessario in questa emergenza non hanno nulla, con l’effetto di ridurre ai minimi termini il numero delle lavoratrici e dei lavoratori di aziende non essenziali che lunedì mattina potrebbero ‘rimanere a casa’.

Lo ripetiamo da settimane: così non si può! Il valore della vita e della salute non ha prezzo e non può essere barattato con nessuna ragione economica, lo stesso protocollo sottoscritto una settimana fa a difesa della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro non è stato ovunque applicato con rigore e puntualità.

Se questo vale su tutto il territorio nazionale, con l’obiettivo di prevenire l’estensione dei contagi, tanto più è vitale in Lombardia, dove si tratta di invertire ‘senza se e senza ma’ la drammatica condizione della crescita costante dei contagi, dei ricoveri, dei morti che stiamo subendo, tra cui sempre più lavoratrici e lavoratori.

Per questo, nel raccogliere l’invito dei tre segretari generali nazionali di CGIL CISL UIL al rispetto delle intese e alla mobilitazione generale nei settori di attività non indispensabili, crediamo che sia necessaria già da lunedì una forte iniziativa delle RSU e delle strutture categoriali territoriali affinché vi sia la chiusura delle attività aziendali non essenziali in questa fase di emergenza”.

leggi anche
  • Le novità
    Coronavirus, Conte firma il nuovo decreto: sono 80 le attività essenziali
    Giuseppe Conte
leggi anche
  • Cgil, cisl e uil
    Coronavirus, metalmeccanici: “Non tutto è essenziale, il 25 marzo è sciopero regionale”
    metalmeccanici artigiani
  • Emergenza coronavirus
    I caschi Airoh della Locatelli Spa donano 50mila euro all’ospedale Papa Giovanni
    Airoh pronta a entrare nel mercato Usa
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it