Coronavirus, metalmeccanici: "Non tutto è essenziale, il 25 marzo è sciopero regionale" - BergamoNews
Cgil, cisl e uil

Coronavirus, metalmeccanici: “Non tutto è essenziale, il 25 marzo è sciopero regionale”

Cgil, Cisl e Uil: "Il profitto e l'economia hanno avuto il sopravvento su salute e sicurezza"

“Di fronte all’emergenza non tutto è essenziale”. Inizia così la nota congiunta dei tre sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil dei metalmeccanici che annunciano lo sciopero per mercoledì 25 marzo.

“Ci mobilitiamo per difendere la vita e la salute – scrivono i rappresentanti sindacali -. Il Decreto del Governo firmato in data 22 marzo, tiene conto solo in misura parziale delle istanze che Cgil, Cisl e Uil hanno posto all’attenzione dell’Esecutivo; infatti molte attività non essenziali né indispensabili sono state inserite tra quelle che possono continuare a lavorare. Abbiamo sempre preteso di mettere la salute e la sicurezza del lavoratore come questioni prioritarie rispetto a qualunque cosa, ma registriamo che il Governo ha ceduto alle indebite pressioni di Confindustria: il profitto e l’economia hanno avuto il sopravvento su salute e sicurezza”.

“Così non va – proseguono le sigle sindacali -. L’aver inserito nelle attività d’impresa da considerare essenziali (gli ormai famosi codici ATECO) una serie di attività di vario genere che di essenziale non hanno nulla, depotenzia il decreto e crea l’effetto di ridurre ai minimi termini il numero delle lavoratrici e dei lavoratori che potranno “rimanere a casa’’. Per questo, anche cogliendo l’invito delle Segreterie Confederali Nazionali e Regionali, riteniamo necessario per chiedere la modifica del Decreto e tutelare la salute di tutti, dichiarare sciopero regionale per il giorno 25 marzo nei settori assistiti dalla Filctem, Femca e Uiltec. In tutte le aziende che non hanno produzioni essenziali e di pubblica utilità per le necessità del Paese e in tutti quei luoghi di lavoro dove non ricorrano le condizioni di sicurezza chiediamo alle Associazioni Datoriali e alle Aziende di avere senso di responsabilità e di non determinare ulteriori tensioni ed esasperazioni tra i lavoratori. Pertanto auspichiamo l’utilizzo degli ammortizzatori sociali per consentire la fermata dei lavoratori”.

leggi anche
  • Dopo il decreto
    I sindacati criticano: “Aperte attività che non hanno nulla di essenziale o strategico”
    sindacati
  • L'allarme
    Onoranze Funebri allo stremo: “Vittime sacrificali, pronti a sospendere l’attività”
    funerale
  • Per capire
    Il decreto Cura Italia spiegato in video/6: fondo di solidarietà sui mutui prima casa
    Prima casa
  • Ma state a casa
    “Domenica a Bergamo i numeri fan respirare un po”: le tabelle del dottor Magnone
    stefano magnone
  • La riflessione
    Don Fausto, scintilla in un pagliaio. Come lui i 20 preti della diocesi morti dal 6 marzo
    dolore lutto cero (foto Eyasu Etsub da Unsplash)
  • Il punto
    Fontana e le chiusure: “Per i nostri giuristi in casi dubbi prevale l’ordinanza della Regione”
    Fontana
  • Sabato
    Ghisalba, rapina un giovane e il parroco: preso
    Carabinieri nostra
  • Metalmeccanici
    Cisl, si è dimesso il leader della Fim Marco Bentivogli
    bentivogli
  • Giovedì 5 novembre
    Sciopero dei metalmeccanici, le tute blu bergamasche incrociano le braccia
    Metalmeccanici Photo by Rob Lambert on Unsplash
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it