Troppa gente non resta in casa: l'esercito pattuglierà le strade di Bergamo - BergamoNews
La decisione

Troppa gente non resta in casa: l’esercito pattuglierà le strade di Bergamo

Lo ha annunciato la Prefettura dopo il vertice di venerdì 20 marzo a cui hanno partecipato anche Comune di Bergamo, Provincia e vertici delle forze dell'ordine

Da sabato 21 marzo anche l’esercito pattuglierà le strade bergamasche. Lo ha annunciato la Prefettura dopo il vertice di venerdì al quale hanno partecipato anche Comune di Bergamo, Provincia e vertici delle forze dell’ordine.

Troppa gente ancora non resta in casa ed esce senza una motivazione valida, nonostante i continui appelli e le restrizioni imposte dal governo per contenere i contagi da Codiv-19.

“Nel corso dell’incontro – spiega la Prefettura con la nota emanata – si è convenuto di dislocare temporaneamente, a partire da sabato 21 marzo, il contingente di militari della ‘Operazione Strade Sicure’ solitamente impegnato presso l’aeroporto di Orio al Serio, nei servizi di controllo del territorio finalizzati all’osservanza delle particolari prescrizioni imposte per contenere la diffusione del contagio del Coronavirus”.

Da sabato 21 marzo, dunque, anche i militari dell’esercito pattuglieranno le strade della Bergamasca.

L’imperativo resta lo stesso: uscite di casa solo se strettamente necessario.

leggi anche
  • Arginare il coronavirus
    Dalla Valseriana e Val di Scalve un appello: è arrivato il momento di fermarci
  • I dati del giorno
    Coronavirus, Gallera: “A Bergamo 5.869, più 715 in un giorno”
  • Emergenza coronavirus
    Mycroclean Italia: “Richieste per milioni di mascherine, si lavora 12 ore al giorno”
  • Bergamo
    Ente bilateriale del terziario dona apparecchi per la ventilazione assistita al Papa Giovanni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it