Dalla Valseriana e Val di Scalve un appello: è arrivato il momento di fermarci - BergamoNews
Arginare il coronavirus

Dalla Valseriana e Val di Scalve un appello: è arrivato il momento di fermarci

Accorato appello dei presidenti delle Comunità montane di Valle Seriana, Giampiero Calegari e di Valle di Scalve Pietro Orrù al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana perché adottino restrizioni più pressanti per arginare il diffondersi del coronavirus. 

Accorato appello dei presidenti delle Comunità montane di Valle Seriana, Giampiero Calegari e di Valle di Scalve Pietro Orrù al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana e ai parlamentari bergamaschi di tutti partiti perché adottino restrizioni più pressanti per arginare il diffondersi del coronavirus.

La situazione che si vive nell’intera Regione assume ormai i connotati dalla tragedia, questo è ancor più evidente purtroppo in provincia di Bergamo e in una valle bergamasca, la Valle Seriana, che in questi giorni sta vedendo morire tanti uomini e donne e cancellare intere generazioni.

Con questa nota si vuole rimarcare la necessità di una effettiva presa di coscienza della drammaticità del momento anche per chi non vive questa valle e questa Provincia.

Appare quasi superfluo raccontare che in piccoli centri urbani popolati da poco più di 10000 abitanti si sia raggiunto un numero superiore di morti a quello di intere Regioni. Appare superfluo rammentare lo strazio che vive questa gente.

Consapevoli di tutto questo dolore, chiediamo un intervento maggiormente coercitivo che imponga nuove restrizioni, come già altre Regioni hanno fatto, pur avendo una situazione contingente certamente migliore di quella che purtroppo si vive qui.

Non è pensabile che ancora oggi ci si debba basare sul buon senso dei cittadini chiamati a rispettare regole anche quando non espressamente scritte.

Siamo consapevoli dell’importante presenza di attività produttive in Regione Lombardia e anche nella nostra Valle Seriana, che grande e operosa hanno fatto la nostra terra, e siamo consapevoli che maggiori restrizioni potrebbero comportare gravi conseguenze economiche, ma al momento tutto questo appare necessario per salvare delle vite e per tutelare il valore primario della salute che non può che precedere quello pur sacrosanto del mercato economico.

Al momento riteniamo che l’adozione di coraggiosi nuovi provvedimenti restrittivi possa rappresentare l’unica ed auspicabile soluzione per una tragedia che sembra oggi, che i contagi aumentano
inesorabili, non avere fine.

I movimenti sul territorio sono ancora troppi, e molti inesorabilmente costituiscono un vettore per questo virus.

È arrivato il momento di fermarci, ma per davvero.

Chiediamo dunque un intervento restrittivo e doveroso, solo così si potrà sperare di vincere questa guerra, perché non troviamo altre parole per definirla. Ma perché tutto ciò possa verificarsi in tempi ragionevoli dobbiamo fermarci come altri Paesi hanno già fatto prima di noi.

leggi anche
  • L'appello unanime
    Tutta la politica di Bergamo chiede a Regione e Governo maggiori restrizioni
    sindaci bergamaschi riunione coronavirus
  • La decisione
    Troppa gente non resta in casa: l’esercito pattuglierà le strade di Bergamo
    Esercito
  • L'emergenza
    Coronavirus: “Il Centro Alzheimer di Gazzaniga rivoluzionato per accogliere i pazienti”
    Sara Fascendini
  • I dati del giorno
    Coronavirus, Gallera: “A Bergamo 5.869, più 715 in un giorno”
    Gallera felice
  • Bergamo
    Coronavirus, Informatori scientifici del farmaco donano ossigeno e saturimetri all’Ats
    ossigeno
  • L'annuncio
    Conte: chiuse le attività produttive tranne le essenziali, ecco cosa rimane aperto
    giuseppe conte
  • Bergamo
    Ente bilateriale del terziario dona apparecchi per la ventilazione assistita al Papa Giovanni
    ventilatori e medici
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it