Coronavirus, Chimiver dona 30mila euro al Papa Giovanni, Ats e Diakonia - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Chimiver

La donazione

Coronavirus, Chimiver dona 30mila euro al Papa Giovanni, Ats e Diakonia

Nei giorni scorsi l'azienda ha contribuito alla sanificazione ambientale delle strade effettuata dalla Società Aprica insieme alla Protezione Civile nelle province di Bergamo e Brescia

Chimiver si mobilita per aiutare Bergamo, che sta soffrendo per l’emergenza Coronavirus. Il territorio orobico sta vivendo un periodo molto difficile segnato da numerosi casi di contagio, ricoveri negli ospedali e purtroppo tante vittime.

L’azienda dona 30mila euro che verranno destinati a tre enti: l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, l’Ats e l’associazione Diakonia. Con questo gesto di solidarietà sosterrà l’iniziativa “Abitare la cura”, finalizzata a identificare e adeguare luoghi di sollievo per accogliere i pazienti dimessi dalle strutture sanitarie che però necessitano ancora di assistenza in modo da liberare immediatamente posti letto per i casi più gravi.

Nei giorni scorsi, poi, Chimiver insieme alle aziende Vitali Spa, Aprica e Protezione Civile ha contribuito alla sanificazione ambientale delle strade nelle province di Bergamo e Brescia gratuitamente.

Inoltre, ha donato molti prodotti per la detergenza alla Croce Rossa Italiana.

Attualmente l’azienda prosegue la sua attività lavorativa istituendo per la maggior parte degli uffici soluzioni di smart working oltre ad adottare tutte le misure prescritte dall’Ats ha applicato due turni di sei ore per diminuire la presenza nei reparti di produzione.

Guidata da Oscar e Nevio Panseri, Chimiver è azienda leader mondiale nella produzione di prodotti per la posa ed incollaggio nonchè la finitura e la detergenza di tutti i tipi di superficie.

leggi anche
  • La risposta
    Coronavirus, all’appello di Regione Lombardia rispondono 1.500 medici volontari
    medici regione
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it