"Vado dal medico" che in realtà è chiuso, e altre scuse dei denunciati a Seriate - BergamoNews
Il bilancio

“Vado dal medico” che in realtà è chiuso, e altre scuse dei denunciati a Seriate

Le risposte ricevute dagli agenti nei controlli dopo il decreto che vieta di uscire di casa senza motivo: 8 i deferiti

Un uomo ha detto che doveva andare dal medico, quando lo studio in realtà era chiuso. Una coppia ha affermato che da Bergamo era venuta a Seriate per bere un caffè con un’amica uno proveniente da Pradalunga. Un altro ha persino ammesso che era arrivato dalla città per fare la spesa perchè preferiva i prodotti del supermercato del posto.

Sono solo alcune delle risposte ricevute in questi giorni dagli agenti della polizia locale di via Paderno impegnati nei servizi di controllo del territorio dopo il decreto governativo che vieta di uscire di casa senza un giustificato e urgente motivo.

leggi anche
  • Domenica
    Solza, escono di casa per fumare le canne: doppia denuncia per tre minorenni
    hashish fumo spinello

Otto in totale le persone deferite in una settimana per la violazione dell’ articolo 650 del codice penale, giovani e meno giovani, pizzicati dai vigili lungo le vie della città senza una motivazione valida.

Il comando seriatese, che annuncia tolleranza zero anche contro gli assembramenti di persone, nelle ultime ore ha intensificato i controlli sul territorio, anche con postazioni dinamiche per limitare il circolare ancora troppo elevato di persone e arginare così il diffondersi del Covid 19.

leggi anche
  • Emergenza coronavirus
    Arrivati rinforzi per i controlli dei carabinieri a Bergamo e in provincia
    carabinieri ok

Gli agenti ricordano che mercoledì il Viminale ha aggiornato l’autocertificazione, che dovrà essere compilata con cura e consegnata: per chi non l’avrà, la stessa verrà fornita durante il controllo.

leggi anche
  • La lettera
    “Abito ad Alzano e lavoro al Papa Giovanni: trattato come un untore”
    Polizia carabinieri
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it