Coronavirus, stretta sulle piste ciclopedonali nelle valli bergamasche - BergamoNews
Le ordinanze

Coronavirus, stretta sulle piste ciclopedonali nelle valli bergamasche

Le decisioni dei sindaci brembani e della Comunità Montana Valle Seriana

Stretta sulle piste ciclopedonali nelle valli Bergamasche, evidentemente considerate ancora troppo frequentate nonostante l’emergenza Coronavirus.

In Valle Seriana, il presidente della Comunità Montana Giampiero Calegari ha firmato un’ordinanza che vieta “il transito pedonale e di qualsiasi altro mezzo” a partire da venerdì 20 marzo fino a nuovo ordine. Presumibilmente fino a quando l’emergenza non sarà terminata.

Il percorso si estende per molti chilometri, da Ranica fino a Castione della Presolana e Valbondione. “Prendiamo atto delle richieste delle autorità di evitare ogni tipo di assembramento, limitando le uscite allo stretto necessario – commenta Calegari -. C’è ancora tanta gente che non rinuncia ad andare a correre, ma sappiamo come vanno certe cose: si incontrano altre persone e ci si ferma a parlare come se nulla fosse”. La logica è quella di evitare che questi luoghi diventino occasioni di ritrovo. “È una decisione presa a malincuore – sottolinea Calegari -. Sappiamo che l’attività sportiva può essere una valvola di sfogo in questo periodo difficile, ma è altrettanto vero che non devono esserci zone grigie nei nostri comportamenti”.

Una decisione presa in queste ore anche da più sindaci della Valle Brembana, che hanno chiuso i rispettivi tratti di competenza: Zogno, Sedrina, San Pellegrino, San Giovanni Bianco, Lenna, Camerata Cornello, Piazza Brembana. “Ci stiamo facendo in quattro per garantire i servizi alle famiglie – osserva il sindaco di Lenna e presidente della Comunità Montana Jonathan Lobati -. È un periodo molto delicato, cerchiamo di stare a casa”. Le sanzioni previste vanno da 50 fino a 500 euro.

leggi anche
  • Emergenza coronavirus
    La stretta del Governo: chiusi parchi, sport da soli e vicino a casa
    Il parco Suardi chiuso il giorno di Pasqua
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it