Bergamo, non rispetta il decreto: la questura chiude bar in via Autostrada - BergamoNews
Prevenzione coronavirus

Bergamo, non rispetta il decreto: la questura chiude bar in via Autostrada

Il proprietario teneva aperto l’esercizio pubblico sebbene non autorizzato

Nel pomeriggio di mercoledì 18 marzo gli agenti della Polizia amministrativa della Questura di Bergamo, ha proceduto alla chiusura del bar Trussardi Petroli Caffè di via Autostrada, in quanto veniva accertato che il proprietario teneva aperto l’esercizio pubblico sebbene non autorizzato secondo i dettami del Decreto dell’11 marzo e senza attenersi alle disposizioni il gestore non rispettava l’obbligo di garantire la distanza interpersonale di almeno un metro tra gli avventori.

Si è dunque deferito alla Autorità giudiziaria la proprietaria per violazione all’articolo 650 del codice penale, intimando contestualmente la chiusura dell’esercizio. –

È stata infine inviata segnalazione alla Prefettura di Bergamo per l’irrogazione della sanzione della chiusura dell’esercizio.

leggi anche
  • Messaggio d'amore
    Francesco Facchinetti: “La mia Bergamo sta soffrendo ma si rialzerà: forza!”
    francesco facchinetti dj
  • Le richieste
    Fontana vuole più limitazioni: “Esercito in strada, chiusura di studi e uffici pubblici”
    esercito blocco coronavirus
  • La testimonianza
    L’infettivologo Le Foche: “Atalanta-Valencia la partita zero del Covid-19”
    Le Foche
  • In albania
    Arrestato latitante condannato per tentato omicidio: si era creato 7 identità
    Carabinieri arresto
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it