Arrestato latitante condannato per tentato omicidio: si era creato 7 identità - BergamoNews
In albania

Arrestato latitante condannato per tentato omicidio: si era creato 7 identità

Dopo una lite aveva cercato di uccidere a colpi di pistola un connazionale al bowling di Mozzo

Kote Leonard, 54 enne albanese della città di Elbasan, condannato dal Tribunale di Bergamo nel 2002 a 12 anni di detenzione per i reati di tentato omicidio in concorso, detenzione e porto abusivo di armi e sequestro di persona, commessi il 15 febbraio del 1997, dopo una lite con un connazionale alla sala Bowling di Mozzo, è stato localizzato dai militari del Nucleo investigativo dei Carabinieri di Bergamo nel corso delle indagini volte alla ricerca e cattura dei latitanti.

Grazie alla collaborazione del servizio per la Cooperazione internazionale di Polizia e l’Ufficio dell’Esperto per la Sicurezza a Tirana, è stato sottoposto ad arresto provvisorio per essere estradato dalla polizia albanese di Elbasan.

L’arrestato, irreperibile dal 2013 dopo la concessione degli arresti domiciliari, si era creato negli anni 7 identità fittizie per sfuggire alla cattura. Recluso in Albania, vi resterà in attesa di estradizione in Italia, dove dovrà espiare il residuo della condanna cui si era sottratto per i reati di “tentato omicidio in concorso, detenzione e porto abusivo di armi e sequestro di persona” in quanto  responsabile di aver tentato di uccidere a colpi di pistola un connazionale rimasto gravemente ferito il 15 febbraio 1997 al Bowling di Mozzo.

leggi anche
  • Prevenzione coronavirus
    Bergamo, non rispetta il decreto: la questura chiude bar in via Autostrada
  • Bergamo
    I Carabinieri piangono l’appuntato Polzoni, morto a 46 anni per Covid: “Eroe invisibile”
  • Bergamo
    La chiamata di solidarietà del ministro Speranza agli infermieri del Papa Giovanni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it