Quantcast
Una strategia perché questo maledetto virus non ci distrugga dentro - BergamoNews
Life coach

Una strategia perché questo maledetto virus non ci distrugga dentro

Iniziamo anche noi a costruire delle buone abitudini, andiamo avanti, è la vita stessa che ce lo chiede. E noi lo sappiamo bene, siamo italiani, siamo bergamaschi, non ci spaventa rimboccarci le maniche.

Buongiorno e buon giovedì cari amici! Auguri anche a tutti i papà della nostra Bergamo, soprattutto a quelli che sono in corsia, a lavorare senza tregua per salvare vite umane, lontani dagli affetti della famiglia ma circondati dalla nostra gratitudine.

Che momento… Ce lo ricorderemo per sempre, e sempre lo porteranno nel cuore soprattutto i bambini, che lo vivono con i loro occhi curiosi di risposte a qualcosa che nessuno di noi riesce a spiegare. Quello che posso dire è che stanno avvenendo fatti straordinari. Straordinari nel senso che sono completamente fuori dall’ordinario, completamente diversi da ciò a cui, fino a poco tempo fa, eravamo ABITUATI.

Niente di quello che sta accadendo probabilmente poteva essere previsto. Questa emergenza ci ha investito con la forza di un uragano e ha tentato di annientarci. SI, HA TENTATO. MA NOI NON GLI PERMETTEREMO DI FARLO. Ha stravolto le nostre certezze e piegato ogni cosa al suo passaggio, soppresso vite e generato il caos, oltre a tanta, tanta paura.

Ma siamo qui, SIAMO VIVI, E POSSIAMO ANDARE AVANTI. DOBBIAMO VOLERLO. Quello che ognuno di noi può fare è PREPARARSI (non pre-occuparsi) al peggio e IMPEGNARSI
FATTIVAMENTE per far sì che ciò non accada. Come sempre, come sapete già, la vita è quella che è. Non possiamo cambiarla, POSSIAMO MODIFICARE IL NOSTRO ATTEGGIAMENTO DINANZI AD ESSA.

Questi giorni intensi sono l’occasione perfetta per riflettere, con tutto il tempo necessario, CHE ORA ABBIAMO, su che cambiamenti apportare alla nostra vita quando tutto questo sarà finito. STARE CON NOI STESSI E’ UNA BELLA COSA. Non l’abbiamo scelto, sono d’accordo, ma così è. Possiamo approfittarne per iniziare tutto ciò che abbiamo sempre tenuto nel cassetto in attesa di un tempo che abbiamo sempre rincorso e che ora abbiamo dinanzi a noi, a nostra disposizione.

Stiamo da soli ma in realtà non siamo soli.

Avete notato che fiorire di iniziative generose da parte di persone virtuose che hanno messo a disposizione degli altri le loro risorse e competenze? Penso per esempio, al di là di donazioni immense per i nostri ospedali, anche alla grande disponibilità dei ragazzi giovani per aiutare gli anziani a fare la spesa, a procurarsi le medicine in farmacia, semplicemente ad ascoltarli in un momento così complicato…

Iniziamo anche noi a costruire delle BUONE ABITUDINI, andiamo avanti, è la vita stessa che ce lo chiede. E noi lo sappiamo bene, siamo italiani, siamo bergamaschi, non ci spaventa rimboccarci le maniche. Forza allora! Basta farci trasportare dalle ansie della nostra mente provata da tutto questo dolore, possiamo AGIRE.

Otterremo così immediatamente due risultati:

– innanzitutto sposteremo il pensiero, sintonizzandoci sulla frequenza più alta dell’energia invece che rimanere piegati su noi stessi nel dolore

– saremo utili non solo a noi stessi ma anche agli altri

Non è facile, lo so bene, e rispetto il dolore di tutti coloro che piangono i loro cari senza averli nemmeno potuti salutare. Sono vicina nel dolore a tutte queste persone, che magari hanno perso anche la speranza. Proprio per questo propongo di SCEGLIERE DI CREDERE, SEMPRE: CAMBIARE È POSSIBILE.

Faremo in modo che questo dannato virus NON ci distrugga l’esistenza più di quello che ha già fatto finora.

Iniziamo, da subito, a porre le basi per il nostro futuro. È solo questione di tempo. Come vi ho sempre detto, il tempo, al pari della salute, è un dono meraviglioso. UTILIZZIAMOLO BENE.

La nostra STRATEGIA adesso è quella di piantare i semi della nostra rinascita, e annaffiarli con cura, amore e fiducia. Solo così potranno germogliare e diventare, domani, i bellissimi fiori di cui tutti abbiamo bisogno. Facciamo un salto evolutivo, sia materiale che spirituale, e costruiamo, oggi, la nostra vera essenza. Ci sarà chi scoprirà di avere amici inaspettati, del resto gli amici si vedono proprio in questi momenti, e chi deciderà, magari, di realizzare il sogno che ha sempre custodito nel cuore. Ora è il momento.

Diventeremo, tutti, donne e uomini migliori, perché la forza che stiamo scoprendo in questi giorni ci accompagnerà anche nei giorni a venire ed ora, proprio in questo momento di disperazione, come sempre è accaduto nella storia dell’uomo, sono venute alla luce dentro di noi potenzialità incredibili che non sapevamo di avere.

Iniziamo, a piccoli passi, qualcosa che ci faccia stare bene. Un libro, ascoltare la musica che amiamo e che ci dà la carica, prepariamo una torta con amore per le persone intorno a noi. Impariamo ad ascoltare in silenzio chi ha bisogno del nostro aiuto senza interromperlo e senza parlare di noi, ascoltiamo e basta. Sarà sufficiente e vedremo la gratitudine negli occhi di chi ci sta intorno. A volte non servono parole, basta uno sguardo. Concentriamoci su quello. Concentriamoci, di nuovo, sugli altri, sulle loro emozioni e sui bisogni che ci sono alla base. Capiremo molto di più dei nostri figli, partner, genitori, e, di conseguenza, costruiremo un rapporto migliore.

Questo è il buono che possiamo, con l’impegno di tutti, riportare alla vita, una nuova vita che ci sta aspettando. Buona vita a tutti e ricordate sempre: NOI SIAMO QUELLO CHE PENSIAMO. Finché c’è vita c’è speranza.

Vi saluto con una frase di Gandhi che mi piace molto e che mi pare molto appropriata al contesto di questo periodo: “Il futuro dipende da quello che facciamo nel presente”.

AGITE, ANDATE AVANTI E CREDETE IN VOI, SEMPRE.

Un abbraccio affettuoso!

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
forza by unsplash
Life coach
Osando, solo così si vincono le sfide della vita
emozioni ok foto Elijah O'Donnell da Unsplash
Life coach
Concentriamoci sulla differenza tra obiettivo ragionato e reazione emotiva
Monica Sala
Life coach
Via dalla nostra zona grigia: si può e c’è chi ci aiuta a uscirne
autostima ragazza ok (foto Giulia Bertelli by Unsplash)
Life coach
Impariamo a volerci un po’ più bene
positivo psicologia Tom Ezzatkhah unplash ok
Life coach
Impariamo a diventare amici di noi stessi
amici (foto Tyler Nix by Unsplash)
Life coach
Il nostro migliore amico? Siamo noi
post it (foto Kelly Sikkema da Unsplash)
Life coach
I nostri valori e i nostri obiettivi sono la nostra bussola
parole ok (foto Brett Jordan by Unsplash)
Life coach
Quei termini così generici, ma con un significato diverso per ognuno di noi
desiderio bisogno (foto Haut Risque da Unsplash)
Life coach
Distinguiamo bene tra desideri e obiettivi
motivazione (foto di Cristofer Jeschke da Unsplash)
Life coach
Per raggiungere l’obiettivo servono motivazione e chiarezza
bicchiere
Life coach
Quanto le nostre convinzioni condizionano scelte e approcci
Trussardi Cesvi
Emergenza coronavirus
Trussardi lancia la raccolta #ConBergamo per l’ospedale Papa Giovanni
ferretti
Solidarietà
Da Ferretticasa 150mila euro agli ospedali di Bergamo Treviglio, Alzano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI