Il direttore della Caritas di Bergamo: "Mercoledì altri 3 sacerdoti sono morti" - BergamoNews
Don roberto trussardi

Il direttore della Caritas di Bergamo: “Mercoledì altri 3 sacerdoti sono morti”

Fino adesso 13 sacerdoti morti. Una quindicina sono in ospedale

Il direttore della Caritas di Bergamo, don Roberto Trussardi, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, ha spiegato e commentato la situazione disperata della terra  bergamasca, colpita pesantemente dal contagio da coronavirus. In particolare la Curia di Bergamo: “Mercoledì 18 marzo sono morti altri tre sacerdoti – ha detto -. Fino adesso abbiamo avuto 13 sacerdoti morti. Una quindicina sono in ospedale, ma in miglioramento mentre ancora 2-3 sono molto gravi in terapia intensiva. Speriamo che ce la facciano ma la situazione non è facile”.

“Un dramma, una vera tragedia – ha aggiunto don Trussardi – vedere questi camion dell’Esercito portar via più di 60 bare perché il forno crematorio non riusciva a stare dietro a tutte le morti. È veramente un dramma, anche ieri sono stati davvero tanti i morti e i contagi. Speriamo che si risolva questa brutta situazione”, ha concluso.

leggi anche
  • Emergenza coronavirus
    Fontana: “Recuperato gruppo di medici per l’ospedale da campo di Bergamo”
  • Bassa
    Fornovo piange Alberto Comandulli, storico gestore della Trattoria Teresina
  • Emergenza coronavirus
    Luca Viscardi lotta al Papa Giovanni: “Grazie a medici e infermieri, sempre presenti e attenti”
  • Nato l'11 febbraio
    Una buona notizia: a Bergamo dimesso il primo neonato colpito da Covid-19
  • La chiamata
    Salvini ringrazia il vescovo Beschi: “Impegno straordinario per una Bergamo che soffre”
  • Contro il virus
    Sitip Industrie tessili: “Pronto il tessuto per le mascherine: si può lavare e riutilizzare”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it