È morto il dottor Antonino Buttafuoco, medico di base di Ciserano e Verdellino - BergamoNews
Bassa

È morto il dottor Antonino Buttafuoco, medico di base di Ciserano e Verdellino

Originario di Alcamo, era stato trovato positivo al Coronavirus

È morto il dottor Antonino Buttafuoco, uno dei medici di base di Ciserano e di Verdellino. Da qualche giorno era ricoverato all’ospedale di Treviglio per delle complicanze dovute al Covid-19, al quale era risultato positivo.

Il dottor Buttafuoco aveva 66 anni ed era siciliano di Alcamo. Laureato in medicina all’università di Palermo, da più di venticinque anni abitava a Brignano e prestava servizio nella Bergamasca, nei due studi che gestiva insieme ad altri tre colleghi associati.

Con l’emergenza sanitaria era rimasto in trincea a curare i propri pazienti. Fino al contagio e alle complicazioni alle vie respiratorie che l’hanno portato prima al ricovero e poi alla morte, avvenuta nel pomeriggio di mercoledì 18 marzo.

Purtroppo anche la nostra comunità piange la scomparsa di uno dei medici di famiglia.
Un grande abbraccio ai familiari del dottor Buttafuoco da tutta CISERANO.

Pubblicato da Comune Di Ciserano su Mercoledì 18 marzo 2020

Ad annunciare il decesso del medico di base è stato il Comune di Ciserano, che ha rivolto “un grande abbraccio ai familiari del dottore”.

Antonino Buttafuoco lascia la moglie e due figli.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it