L'appello

Da Vittorio cucina all’ospedale da campo: “Aiutateci, servono subito materie prime”

Il personale del Gruppo Da Vittorio Vicook ha messo a disposizione il proprio personale per la realizzazione di tutti i pasti, circa 1.500 al giorno.

Il Gruppo Da Vittorio Vicook cucinerà tutti i pasti per i pazienti e per tutto il personale impiegato nell’ospedale da campo che inizierà la sua attività tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima alla Fiera di Bergamo.

La famiglia Cerea ha deciso così di contribuire attivamente all’organizzazione delle attività, offrendo il proprio personale per la preparazione di colazione, pranzo e cena: si stimano circa 1.500 pasti al giorno, per circa 500 persone.

Così gli Ambasciatori del Gusto Chicco e Bobo Cerea hanno lanciato un appello a tutti coloro che sono in grado ci contribuire al reperimento delle materie prima: “La necessità è quella di realizzare con urgenza una colletta alimentare che permetta di avere in loco frutta e verdura fresca, latte e latticini, pane e i suoi derivati e tutti gli ingredienti anche surgelati che possano concorrere alla preparazione dei piatti – spiega Chicco Cerea – Coloro che ne hanno la possibilità, dai ristoratori ai titolari di negozi o aziende di generi alimentari o affini, è gentilmente invitato a offrire degli approvvigionamenti. Se pensi di poter essere d’aiuto, ti invitiamo a contattare Graziano al numero 3358174540″.

L’appello:

Un appello che ha fatto subito presa sui 30 ristoratori bergamaschi che appartengono al gruppo RistorantiBergamo: “Ci mettiamo a disposizione per donare merci e approvvigionamenti alimentari, per aiutare la nostra città e tutta la Bergamasca in questo difficile momento – dichiarano i ristoratori di RistorantiBergamo -: siamo pronti a fare la nostra parte, rispondendo a questo appello di grande
solidarietà lanciato dalla famiglia Cerea, perché uniti possiamo farcela”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Emergenza coronavirus
Maglificio Santini: “Ora il traguardo è salvare vite, pronte le nostre mascherine”
Emergenza coronavirus
Ospedale da campo in fiera, Gallera: “Nessun dietrofront, ma servono medici”

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI