Quantcast
Da Fontana l'appello a medici e infermieri in pensione: "Tornate e dateci una mano" - BergamoNews
Emergenza coronavirus

Da Fontana l’appello a medici e infermieri in pensione: “Tornate e dateci una mano”

Quindi un secondo appello che è anche una promessa: "Alzerò i toni, ve la faremo capire anche con le cattive: i numeri del contagio non si riducono. STATE A CASA, fate un sacrificio per salvare le vite

“Rivolgo un appello a medici e infermieri in pensione da due anni e a coloro che pur pensionati continuano a lavorare in strutture private: dateci una mano. Credo che con la collaborazione di questi professionisti potremmo dare risposte più importanti e realizzare i progetti di cui abbiamo fin qui parlato”. È il primo appello del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana nell’ormai consueto appuntamento con i giornalisti della tarda mattinata. “In un momento di necessità della nostra regione e del nostro Paese credo che chi ha svolto un ruolo importante come medico o infermiere debba sentire la necessità di mettersi a disposizione di quella missione che ha svolto per tanti anni nella sanità pubblica. C’è una mail per chi fosse disponibile:  perlalombardia@regione.lombardia.it”, spiega poi.

Quindi un secondo appello che è anche una promessa: “Alzerò i toni, ve la faremo capire anche con le cattive: i numeri del contagio non si riducono. STATE A CASA, fate un sacrificio per salvare le vite: ogni uscita è un pericolo per voi e per gli altri. Se si dovesse andare avanti chiederemo al Governo provvedimenti ancor più rigorosi”.

Quindi il governatore spiega che “si vedono movimenti per ventilatori e respiratori: qualcosa si muove e qualcosa arriva. Tanti Paesi si stanno muovendo: ho ricevuto telefonate di vicini e partner europei che dimostrano attenzione alla situazione lombarda”.

Infine sull’ospedale alla Fiera di Milano e su alcune polemiche che stigmatizza: “Stiamo lavorando intensamente sul nuovo ospedale: portiamo modifiche progettuali per far coesistere esigenze strutturali con esigenze sanitarie. Il lavoro sta andando avanti bene, la speranza è di riuscire ad arrivare a breve alla realizzazione è sempre più concreta. Ciò non toglie che noi stiamo continuando a rinforzare anche le rianimazioni dei singoli ospedali. Qualcuno diceva che i respiratori sarebbero stati sottratti agli ospedali delle altre città: non è vero, sono due progetti autonomi.  Oggi ne dovevano arrivare 24 o 40, appena arrivano verranno distribuiti sul territorio ai vari ospedali lombardi”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
Silvio Garattini
L'intervista
Coronavirus, Garattini: “Il picco previsto domenica, presto risultati sul farmaco anti artrite”
ospedale da campo
Il supporto
Nell’ospedale da campo alla Fiera oltre 300 pazienti, anche da terapia sub-intensiva
Fiera di san Giuseppe
La panoramica
Coronavirus, slitta la sagra del goloso, annullate la Fiera di san Giuseppe e la Sarnico-Lovere run
ospedale da campo
Emergenza coronavirus
Ivs, il summit delle valvole industriali raccoglie materiale sanitario per l’ospedale da campo Ana
Abati tecnofilati
Medolago
Coronavirus, Abati di Tecnofilati: “Pronti a produrre 10 mila mascherine al giorno”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI